‘Ndrangheta senza limiti a Vibo, dal business dei migranti alla ristrutturazione delle cappelle nel cimitero

Alcuni indagati “ristrutturavano le cappelle e i loculi di defunti senza familiari superstiti, seppellendo nelle fosse comuni i resti delle ossa, per poi rivenderle”

La ‘ndrangheta non è rimasta a guardare nel tempo in cui gli sbarchi si susseguivano con costanza sul litorale vibonese. E il business aumentava quando i disperati arrivavano cadaveri nello scalo vibonese. “La complessità organizzativa del giro d’affari – spiegano gli inquirenti – si articola attraverso l’associazione onlus “Sacra Famiglia”, di cui è presidente Orazio Lo Bianco, appartenente all’omonima consorteria”. Consorteria della quale fanno parte “come associati, tra gli altri Rosario Pugliese, il quale come si apprezzerà, è socio occulto dell’impresa individuale “Lo Bianco Orazio” e della società Paradiso S.r.l. operanti nel settore delle pompe funebri”.

Non a caso Rosario Pugliese e Orazio Lo Bianco devono rispondere di intestazione fittizia di beni. A chiarire le dinamiche del business dei clandestini è il collaboratore Andrea Mantella che definisce Pugliese “azionista dei Lo Bianco, dotato anch’egli della Santa”. La sua stessa investitura. Non a caso Mantella aveva avuto modo “di rapportarsi in molti affari criminali comuni, partecipando ad incontri o riunioni della Società maggiore, in virtù della dote acquisita”.

“Orazio Lo Bianco “U Tignusu” – spiega Mantella – è affiliato al clan Lo Bianco e porta come capo società Enzo Barba. Il fratello Domenico Lo Bianco, che io sappia, non è affiliato di ‘ndrangheta, non escludo che lo possa essere diventato dopo”.

Quanto a Pugliese, puntualizza: “E’ un mio parente, affiliato di ‘ndrangheta con il grado della Santa, era sempre presente alle riunioni della società maggiore; lui era uno dei pochi azionisti rimasti, anche perché aveva fatto scomparire i fratelli Tambuscio per vendicare il fratello e ha sparato due volte ad Antonello Muggeri, poi ammazzato dai cosentini”.

Il racconto di Andrea Mantella si fa più dettagliato: “Rosario Pugliese -sottolinea – ha un’agenzia di pompe funebri, da sempre fa usura sia per conto proprio che per la cosca; l’usura la facevano anche il padre, la madre e suo fratello Antonio “Il Ragioniere”; anche gli altri fratelli fanno usura, anche se il più scaltro è il fratello Antonio; ricordo che loro vittime sono state ad esempio il costruttore Lo Bianco che abita al “Cancello Rosso”, un altro costruttore a nome Domenica Bono, Gregorio Lo Bianco il fabbro che aveva la terra vicino al luogo dove io avevo la villetta che è stata sequestrata e Rino Tavella che ha il negozio “Popoff’.

Sul conto di Orazio Lo Bianco, il collaboratore ha specificato “che costui, d’accordo con Rosario e Carmelo Pugliese e con la complicità di Rosario Francolino, capo dei custodi di vari cimiteri di Vibo Valentia, gestiva le cappelle e i loculi, organizzando un vero e proprio “mercato” delle stesse”.

A riscontro delle dichiarazioni sovvengono gli esiti delle indagini del RONI di Vibo Valentia che hanno documentato che “Lo Bianco è risultato essere titolare dell’omonima impresa individuale di edilizia artigiana”.

Tramite questa ditta “gli indagati ristrutturano le cappelle e i loculi di defunti di cui non ci sono più familiari superstiti, seppellendo nelle fosse comuni i resti delle ossa e rivendendole al prezzo di 50.000-60.000 euro”. La conferma arriva ancora una volta da Andrea Mantella: “Nel cimitero di Vibo Valentia i fratelli Pugliese, Rosario e Carmelo, affiliati alla cosca Lo Bianco, attraverso una ditta di muratura di Orazio Lo Bianco e tramite Francolino che fa il becchino al cimitero, gestiscono le cappelle e i loculi a Vibo Valentia; anche io ho beneficiato gratuitamente nel 2009 di una cappella al cimitero; ricordo che parlai con questo becchino il quale mi disse che avrebbe messo i resti del cadavere nella fossa comune, come di solito facevano; la cappella me l’ha trovata Francolino ed è stata sistemata da Orazio Lo Bianco”.

E ancora: “La falsa documentazione – ha concluso Mantella – è stata preparata da Orazio Lo Bianco e dai fratelli Pugliese tramite Francolino; la pratica è stata gestita per me da mio cugino Salvatore Morgese; io alla cappella ci sono andato quando era diroccata poi sono stato arrestato e non l’ho vista rifatta; ho scelto tra diverse cappelle diroccate”.

Il sistema era il seguente: “loro di solito -ha chiosato il collaboratore – vendevano le cappelle delle famiglie per le quali non ci sono più i familiari; dopo aver tolto i resti dei cadaveri e aver restaurato le cappelle, le stesse vengono rivendute al prezzo di 50.000 o 60.000 euro. Per avermi agevolato con la cappella, attraverso mio cugino Salvatore Morgese, Francolino – ha precisato Mantella – mi chiese se potevamo fargli il favore di far incendiare un furgone ad un imprenditore idraulico, era il 2009-2010, che abitava a Sant’Aloe vicino alla Questura; incaricai di bruciare il veicolo Carmelo Chiarella, cosa che fece”.

ESCLUSIVO | Le immagini della cattura del super boss Luigi Mancuso in treno (VIDEO)

LEGGI ANCHE | Operazione “Rinascita-Scott”, le contestazioni mosse al comandante dei vigili urbani Filippo Nesci

Omicidio Gangitano, ucciso dall’ex boss Andrea Mantella perché omosessuale

Ndrangheta e massoneria a Vibo, indagato anche Ugo Bellantoni

Ndrangheta nel Vibonese, luce su duplice omicidio del 1996: due indagati per lupara bianca

Scacco matto alla ‘ndrangheta, ricostruita la mappa del “crimine” a Vibo e nel Vibonese (VIDEO)

Il pranzo tra Luigi Mancuso e Giancarlo Pittelli, la paura di essere intercettati

‘Ndrangheta senza limiti a Vibo, dal business dei migranti alla ristrutturazione delle cappelle nel cimitero

La strategia “pacifista” di Luigi Mancuso in rotta di collisione con le “nuove leve” di Vibo

Le mani della ‘ndrangheta sulle assunzioni all’ospedale di Vibo e la poliziotta infedele

I “pizzini” dell’avvocato Stilo ai sodali in carcere e i favori dell’impiegato in Tribunale

Terremoto giudiziario a Vibo, Gratteri: “‘Ndrangheta di serie A con professionisti organici alle cosche”

La rivoluzione di Gratteri: “Smonteremo la Calabria come un treno dei Lego e la rimonteremo”

Tsunami Gratteri, rasa al suolo la ‘ndrangheta vibonese: 334 misure cautelari (VIDEO)

Tsunami Gratteri a Vibo, colpita la politica: in carcere Gianluca Callipo. Ai domiciliari Lo Bianco, De Filippis e Giamborino

‘Ndrangheta nel Vibonese, l’elenco completo dei 416 indagati dell’operazione “Rinascita Scott”

Il “Sistema Pizzo” e le accuse della Dda al sindaco Callipo e al comandante dei vigili

 ‘Ndrangheta e politica a Vibo, la Dda: “Giamborino prendeva voti dai clan ed era a loro disposizione”

Tsunami Gratteri, nella rete della Dda di Catanzaro finisce il noto penalista Pittelli

Tsunami giudiziario nel Vibonese, l’elenco delle società sequestrate

Tsunami giudiziario nel Vibonese, ecco le 260 persone finite in carcere (NOMI)

Tsunami giudiziario nel Vibonese, in 73 finiscono agli arresti domiciliari (NOMI)

Tsunami Gratteri a Vibo: arrestati boss, politici, imprenditori e avvocati (NOMI-VIDEO)

Scacco alla ndrangheta del Vibonese, ricostruiti dalla Dda quattro omicidi

Ndrangheta e politica a braccetto, ecco come funzionava il Sistema-Vibo