I “pizzini” dell’avvocato Stilo ai sodali in carcere e i favori dell’impiegato in Tribunale

Dagli atti dell’operazione Rinascita Scott, Stilo viene definito partecipe della ‘ndrangheta. Avrebbe rivelato notizie top secret

Nell’ordinanza firmata dal gip Barbara Saccà nell’ambito dell’inchiesta Rinascita Scott  emergono stretti rapporti tra l’avvocato  Francesco Stilo e la consorteria di Peppone Accorinti, operativa su Zungri. Il legale si mostra disponibile anche a compiere azioni illecite per consentire ad Accorinti di continuare a curare i propri affari. A due giorni di un importante processo, per esempio, Stilo riesce a recuperare dagli atti processuali due foto, a nasconderle nelle mutande e a consegnarle ad Accorinti alle 10 di sera in carcere. Il passaggio di fogli manoscritti è una procedura a cui ricorrono abitualmente i due: in un episodio  viene manifestata l’intenzione al detenuto Saverio Lacquaniti, soprannominato  “caramella” di porgere un foglietto all’avvocato Stilo con richiesta di trovare qualcosa relativo all’indultino.

Svelate informazioni top secret. Accorinti parla dell’avvocato Stilo con i sodali all’interno della camera detentiva ritenendolo parte della consorteria e chiede agli altri detenuti di nominarlo come difensore. Le dichiarazioni di Bartolomeo Arena contribuiscono a delineare la figura di Stilo come vero e proprio partecipe della ‘ndrangheta. L’avvocato avrebbe fornito informazioni su dichiarazioni di collaboratori coperte da segreto istruttorio, comunicando ad affiliati dell’organizzazione notizie investigative ottenute nell’ambito della sua attività professionale di legale o da altri appartenenti all’ambiente criminale locale, intessendo relazioni con impiegati ministeriali per ottenere informazioni.

L’assistente giudiziario complice. Dal carteggio emergono rapporti sistemativi tra Stilo e Danilo Tripodi, assistente giudiziario del Tribunale di Vibo, che avrebbe velocizzato una causa contro una compagnia assicurativa di Tropea. Tripodi avrebbe suggerito i tecnici di ufficio da nominare per la controversia nella gestione della causa in cui attore era proprio Stilo, sollecitando tutti i protagonisti del processo: consulente d’ufficio e giudice istruttore. (g. p.)

ESCLUSIVO | Le immagini della cattura del super boss Luigi Mancuso in treno (VIDEO)

LEGGI ANCHE | Operazione “Rinascita-Scott”, le contestazioni mosse al comandante dei vigili urbani Filippo Nesci

Omicidio Gangitano, ucciso dall’ex boss Andrea Mantella perché omosessuale

Ndrangheta e massoneria a Vibo, indagato anche Ugo Bellantoni

Ndrangheta nel Vibonese, luce su duplice omicidio del 1996: due indagati per lupara bianca

Scacco matto alla ‘ndrangheta, ricostruita la mappa del “crimine” a Vibo e nel Vibonese (VIDEO)

Il pranzo tra Luigi Mancuso e Giancarlo Pittelli, la paura di essere intercettati

‘Ndrangheta senza limiti a Vibo, dal business dei migranti alla ristrutturazione delle cappelle nel cimitero

La strategia “pacifista” di Luigi Mancuso in rotta di collisione con le “nuove leve” di Vibo

Le mani della ‘ndrangheta sulle assunzioni all’ospedale di Vibo e la poliziotta infedele

I “pizzini” dell’avvocato Stilo ai sodali in carcere e i favori dell’impiegato in Tribunale

Terremoto giudiziario a Vibo, Gratteri: “‘Ndrangheta di serie A con professionisti organici alle cosche”

La rivoluzione di Gratteri: “Smonteremo la Calabria come un treno dei Lego e la rimonteremo”

Tsunami Gratteri, rasa al suolo la ‘ndrangheta vibonese: 334 misure cautelari (VIDEO)

Tsunami Gratteri a Vibo, colpita la politica: in carcere Gianluca Callipo. Ai domiciliari Lo Bianco, De Filippis e Giamborino

‘Ndrangheta nel Vibonese, l’elenco completo dei 416 indagati dell’operazione “Rinascita Scott”

Il “Sistema Pizzo” e le accuse della Dda al sindaco Callipo e al comandante dei vigili

 ‘Ndrangheta e politica a Vibo, la Dda: “Giamborino prendeva voti dai clan ed era a loro disposizione”

Tsunami Gratteri, nella rete della Dda di Catanzaro finisce il noto penalista Pittelli

Tsunami giudiziario nel Vibonese, l’elenco delle società sequestrate

Tsunami giudiziario nel Vibonese, ecco le 260 persone finite in carcere (NOMI)

Tsunami giudiziario nel Vibonese, in 73 finiscono agli arresti domiciliari (NOMI)

Tsunami Gratteri a Vibo: arrestati boss, politici, imprenditori e avvocati (NOMI-VIDEO)

Scacco alla ndrangheta del Vibonese, ricostruiti dalla Dda quattro omicidi

Ndrangheta e politica a braccetto, ecco come funzionava il Sistema-Vibo