Tsunami Gratteri a Vibo: arrestati boss, politici, imprenditori e avvocati (NOMI-VIDEO)

Nomi “eccellenti” tra i 416 indagati della colossale inchiesta della Dda di Catanzaro. Coinvolti l’ex consigliere regionale Pietro Giamborino e il sindaco di Pizzo Gianluca Callipo

Boss, gregari, semplici affiliati ma anche politici, imprenditori e avvocati. C’è di tutto nella maxi inchiesta che ha disarticolato i principali clan della provincia di Vibo Valentia con in testa i Mancuso di Limbadi. Ci sono i vertici della ‘ndrangheta vibonese smantellata pezzo per pezzo da Nicola Gratteri e dai Carabinieri e ci sono anche politici, imprenditori e avvocati.

Indagati “eccellenti”. Tra gli arrestati figura infatti l’ex parlamentare e noto penalista di Catanzaro Giancarlo Pittelli, già coinvolto in passato nell’inchiesta Poseidone. Non è l’unico arresto “eccellente”. Tra i 416 indagati figurano altri nomi di spicco: l’ex consigliere regionale Pietro Giamborino, il sindaco di Pizzo Gianluca Callipo, l’ex consigliere comunale di Vibo Vincenzo De Filippis (ai domiciliari), i comandanti della Polizia municipale di Vibo e Pizzo Filippo Nesci (ai domiciliari) ed Enrico Caria, l’avvocato Francesco Stilo. Complessivamente le misure cautelari riguardano 334 persone accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, omicidio, estorsione, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio ed altri numerosi reati aggravati dalle modalità mafiose. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere riguarda 260 indagati, in 70 vanno ai domiciliari e per quattro è stato disposto il divieto di dimora.




Scacco matto ai clan vibonesi. L’operazione ha consentito di individuare e disarticolare gli assetti della ‘ndrangheta vibonese in tutto il territorio nazionale e all’estero facendo emergere cointeressenze con personaggi del mondo politico e dell’imprenditoria. Sono stati documentati summit di ‘ndrangheta finalizzati al conferimento di promozioni e di incarichi ad affiliati di rilievo. Acquisendo elementi di riscontro in merito alle formule rituali utilizzate dai sodali per l’assegnazione del grado di “trequartino”. Colpite le principali famiglie di ‘ndrangheta del Vibonese: i Mancuso di Limbadi, i Soriano di Filandari, i Barba e i Pardea di Vibo, i Bonavota di Sant’Onofrio. In carcere è finito il boss Luigi Mancuso, ritenuto il capo dei capi della ‘ndrangheta vibonese. Nel lungo elenco figurano il boss di Tropea Antonio La Rosa, alias “Ciondolino” e Francesco La Rosa di Tropea, detto “U Bimbu”, il presunto boss di Zungri Giuseppe Accorinti, esponenti delle “nuove leve” di Vibo come Mommo Macrì, Domenico e Giuseppe Camillò, Domenico e Giuseppe Tomaino, Vincenzo Mantella, Loris e Giuseppe Palmisano, esponenti di primo piano dei Barba e dei Pardea come, ad esempio, Nicola, Franco e Bruno Barba, Antonio Francesco Pardea e, ancora, Carmelo e Giovanni D’Andrea, Giovanni Giamborino di Piscopio, Antonio Vacatello di Vibo Marina, il presunto reggente del clan Bonavota Domenico Cugliari, alias “Micu i mela” con la cognata Orsola Ventrice e il figlio Giuseppe, Michele e Salvatore Bonavota, Domenico Febbraro di Sant’Onofrio, Giovanni Franzè di Stefanaconi, Michelangelo Barbieri di Pannaconi, Graziella Silipigni e Rosetta Lopreiato di Filandari (moglie del boss Leone Soriano), Antonio Prestia di San Calogero, Pasquale e Francesco Gallone di Nicotera. Con loro anche Michele Scrugli di Vibo, Luigi Vitrò e Caterina Pettinato. Tra gli imprenditori risultano coinvolti Gianfranco Ferrante, Vincenzo Renda, Antonio Lopez, Mario Artusa e Orazio Lo Bianco tutti di Vibo, Francesco e Carmelita Isolabella di Pizzo Calabro, Daniele Pulitano.

Ai domiciliari anche l’attuale consigliere comunale del Partito democratico Alfredo Lo Bianco. Ed inoltre, Domenico Anello di Curinga, Vittoria Artusa, detta Mirella, di Vibo, Francesco Bonavena di Pannaconi, Giulio Calabretta, Giuseppe Calabretta, Francesco Cirianni, Maria Teresa Cugliari, Giuseppe Cuomo,  Salvatore Delfino, Fabio De Gaetano, Nicola De Gaetano, Giuseppina De Luca, Daniela De Marco, Taneva Dimitrova, Matteo Famà, Rosa Figliano, Luigi Fortuna (cl. ’66), Antonio Fuoco, Ornella Galeano, Benedetta Giamborino di Piscopio, Rosa Giamborino di Piscopio, Pietro Giamborino di Piscopio, Salvatore Giamborino di Piscopio, Emanuela Gradia, Luigi Incarnato, Carmelita Isolabella, Giuseppe La Piana, Antonio La Tassa, Nazzareno La Tassa, Mirko Lagrotteria, Salvatore Malara, Giuseppe Mandaradoni, Salvatore Mandaradoni, Vincenzo Mazzitelli, Francesca Mazzotta Mariangela Mazzotta, Vincenzo Menniti, Vincenzo Millitari, Francesco Murmora, Antonella Naso, Domenico Ubaldo Naso, Gregorio Naso, Maria Teresa Naso, Francesco Naso,   Francesco Giuseppe Niglia di Briatico, Caterina Pettinato, Filippo Polistena di Vibo Valentia,Giovanna Profiti, Vincenzo Pugliese Carchedi di Vibo, Diana Pugliese, Tommaso Pugliese, Paola Rella, Angelo Restuccia, Pasqualina Rito, Francesco Ruffa, Giuseppe Salamò, Giuseppe Serratore, Rosa Serratore, Gaetano Staropoli, Michele Staropoli, Cristian Surace, Ilenia Tripolino, Francesco Valenti, Orsola Ventrice, Cristian Vallone, Olga Vallone, Concetta Vozza, Daniel Zinnà

ESCLUSIVO | Le immagini della cattura del super boss Luigi Mancuso in treno (VIDEO)

LEGGI ANCHE | Operazione “Rinascita-Scott”, le contestazioni mosse al comandante dei vigili urbani Filippo Nesci

Omicidio Gangitano, ucciso dall’ex boss Andrea Mantella perché omosessuale

Ndrangheta e massoneria a Vibo, indagato anche Ugo Bellantoni

Ndrangheta nel Vibonese, luce su duplice omicidio del 1996: due indagati per lupara bianca

Scacco matto alla ‘ndrangheta, ricostruita la mappa del “crimine” a Vibo e nel Vibonese (VIDEO)

Il pranzo tra Luigi Mancuso e Giancarlo Pittelli, la paura di essere intercettati

‘Ndrangheta senza limiti a Vibo, dal business dei migranti alla ristrutturazione delle cappelle nel cimitero

La strategia “pacifista” di Luigi Mancuso in rotta di collisione con le “nuove leve” di Vibo

Le mani della ‘ndrangheta sulle assunzioni all’ospedale di Vibo e la poliziotta infedele

I “pizzini” dell’avvocato Stilo ai sodali in carcere e i favori dell’impiegato in Tribunale

Terremoto giudiziario a Vibo, Gratteri: “‘Ndrangheta di serie A con professionisti organici alle cosche”

La rivoluzione di Gratteri: “Smonteremo la Calabria come un treno dei Lego e la rimonteremo”

Tsunami Gratteri, rasa al suolo la ‘ndrangheta vibonese: 334 misure cautelari (VIDEO)

Tsunami Gratteri a Vibo, colpita la politica: in carcere Gianluca Callipo. Ai domiciliari Lo Bianco, De Filippis e Giamborino

‘Ndrangheta nel Vibonese, l’elenco completo dei 416 indagati dell’operazione “Rinascita Scott”

Il “Sistema Pizzo” e le accuse della Dda al sindaco Callipo e al comandante dei vigili

 ‘Ndrangheta e politica a Vibo, la Dda: “Giamborino prendeva voti dai clan ed era a loro disposizione”

Tsunami Gratteri, nella rete della Dda di Catanzaro finisce il noto penalista Pittelli

Tsunami giudiziario nel Vibonese, l’elenco delle società sequestrate

Tsunami giudiziario nel Vibonese, ecco le 260 persone finite in carcere (NOMI)

Tsunami giudiziario nel Vibonese, in 73 finiscono agli arresti domiciliari (NOMI)

Tsunami Gratteri a Vibo: arrestati boss, politici, imprenditori e avvocati (NOMI-VIDEO)

Scacco alla ndrangheta del Vibonese, ricostruiti dalla Dda quattro omicidi

Ndrangheta e politica a braccetto, ecco come funzionava il Sistema-Vibo