Archivi tag: Lamezia

‘Ndrangheta, 14 arresti a Lamezia. Scacco alle cosche Iannazzo e Cannizzaro-Daponte

polizia
Facebooktwittergoogle_plusmail

Le persone arrestate erano state tutte condannate, nei giorni scorsi, in sede di giudizio abbreviato, a pene significative in quanto ritenute responsabili di associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio, estorsione e traffico di armi Continua la lettura di ‘Ndrangheta, 14 arresti a Lamezia. Scacco alle cosche Iannazzo e Cannizzaro-Daponte

Il polo “sovranista” e il ritorno di Scopelliti: “Ricostruiremo una grande Destra”

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’ex governatore ritorna in pubblico a Lamezia per il varo del Polo Sovranista: “Noi fatti fuori per un complotto contro le Regioni ordito dall’Europa” Continua la lettura di Il polo “sovranista” e il ritorno di Scopelliti: “Ricostruiremo una grande Destra”

Strage sfiorata a Lamezia, 12enne ferito. Il garante: “La mafia non rispetta i bambini”

Marziale Antonio
Facebooktwittergoogle_plusmail

Stamane, il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale, ha contattato i medici che sono stati chiamati a prestare soccorso al bimbo di dieci anni, rimasto ferito ieri sera in una sparatoria a Lamezia Terme, in cui ha perso la vita lo zio del malcapitato piccolino. Dai sanitari, il Garante ha appreso che “le condizioni non sono particolarmente gravi, anche se la pallottola è vicina a vasi sanguigni molto delicati”.

Il contributo dei sanitari. Marziale esprime il proprio ringraziamento “al personale medico per l’alta professionalità e amorevolezza nell’esercizio delle proprie funzioni” e lancia un’invettiva “contro – afferma – coloro i quali hanno insanguinato ancora una volta le strade della Calabria, senza tenere minimamente in considerazione la presenza di un ignaro bambino. Ciò dimostra quanto sia falsa e artatamente tendenziosa quella parte di pseudo letteratura che vede la mafia rispettosa dei bambini, nulla di più falso e ipocrita. Sebbene appare evidente che non fosse nel mirino proprio il piccolo, rimane il fatto che davanti al bimbo non hanno avuto reticenza a sparare”.

La riflessione. “La mafia è morte, la mafia è privazione di ogni libertà, la mafia è oltraggio alla dignità della persona, la mafia preclude lo sviluppo della società e impedisce che il territorio possa crescere di pari passo con il contesto globale d’intorno e, agendo davanti ad un bimbo, addirittura colpendolo, dimostra di essere intenzionata ad uccidere finanche il futuro”, conclude il Garante.

Il sindacato di polizia. “In Calabria si torna a sparare e ad uccidere in perfetto stile Far West, con una criminalità che non si fa scrupoli nemmeno davanti alla presenza di un bambino. Ora basta, si cambi rotta e si affronti il problema in maniera concreta e potenziando gli apparati di sicurezza”. Questo il commento a caldo, rilasciato all’agenzia di stampa Agi, da Giuseppe Brugnano, Segretario generale regionale del Coisp, il Sindacato indipendente di polizia, subito dopo gli omicidi delle ultime ore avvenuti in Calabria, una a Lamezia Terme, dove è stato assassinato un fruttivendolo 57enne ed è rimasto ferito il nipote di appena 8 anni, e l’altro, nelle stesse, ore ad Acquaro, nel Vibonese, in cui è stata uccisa un’altra persona e ferita il fratello. “Non è possibile continuare a tollerare situazioni simili – ha aggiunto Brugnano all’agenzia – per questo la politica deve uscire dal suo torpore in cui sembra calata, finendo di coniare slogan sulla sicurezza per mettere invece in campo azioni concrete per debellare la criminalità”. “Da troppo tempo, ormai, lanciamo inascoltati l’allarme sicurezza nella nostra regione, evidenziando le tante carenze con cui ogni giorno sono costretti ad operare gli apparati di polizia. In Calabria siamo in guerra, in una notta impari con la ‘ndrangheta e con ogni altra forma di criminalità – conclude il segretario del Coisp Calabria – e non possiamo più continuare ad affrontarla senza personale, mezzi e attrezzature”.

Lamezia e la buona sanità: eseguito un doppio espianto di cornea

ospedale-lamezia
Facebooktwittergoogle_plusmail

Un doppio espianto di cornea è stato eseguito a Lamezia Terme dall’equipe addetta agli espianti e donazioni, composta da Tancredi Perricelli, rianimatore responsabile del coordinamento per le donazioni d’organo, Francesco Muraca, oculista che ha eseguito l’intervento dell’espianto e l’infermiere professionale Vincenzo Italia, diretti da Stylianos Glyronakis, direttore dell’unità operativa complessa anestesia e rianimazione del nosocomio lametino.

L’espianto è avvenuto grazie al consenso alla donazione delle cornee, prestato dai suoi familiari, di un paziente deceduto nel reparto di Rianimazione del Presidio ospedaliero “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme. Un gesto di grande generosità che ha permesso di ridare la vista a chi l’aveva purtroppo perduta. A riprova della sensibilità nei confronti della donazione degli organi, il Direttore Generale dell’ASP di Catanzaro, Giuseppe Perri, nel 2016 ha istituito il gruppo di coordinamento donazioni e prelievi di organo, composto dai sopra citati medici dell’Ospedale Civile di Lamezia Terme che, da subito, si è attivato in sinergia con il Centro Regionale Trapianti, diretto da Pellegrino Mancini.

Il trapianto di organi e tessuti è una risorsa straordinaria della medicina moderna che consente alle persone di recuperare un’ottima qualità di vita, altrimenti gravemente pregiudicata, sia dal punto di vista sociale che familiare, permettendo una conduzione normale delle attività quotidiane altrimenti altamente compromesse.

Lamezia Terme, incendio nell’area industriale: il rogo nell’impianto Ilsap. Operai illesi

ilsap
Facebooktwittergoogle_plusmail

Un incendio è divampato ieri sera all’interno dell’impianto Ilsap nell’area industriale. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme e mettere in sicurezza la zona e la Polizia di Lamezia diretta da Antonio Borelli. Secondo una prima ricostruzione pare che una valvola che regola la temperatura dell’olio non abbia funzionato causando così l’incendio. Il fatto, quindi, sarebbe stato accidentale. Nell’impianto al momento dell’incendio c’erano alcuni operai che sono rimasti illesi.