Emanuele Mancuso e la sua rete di produzione della droga, 18 arresti e 21 indagati nel Vibonese (NOMI)

Otto persone sono finite in carcere, nove ai domiciliari per una è stato stabilito l’obbligo di dimora. Gli indagati sono 21.

Un business da oltre 20 milioni di euro. Emanuele Mancuso, 30 anni, figlio di Pantaleleone Mancuso, l’Ingegnere, aveva costituito una vera e propria rete della produzione di marijuana. Quella stessa rete che lui ha aiutato gli inquirenti a disarticolare, mettendo nei guai tutti i suoi collaboratori. Così otto persone sono finite in carcere, nove ai domiciliari per una è stato stabilito l’obbligo di dimora. Gli indagati sono 21. Nello specifico: devono rispondere di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico Emanuele Mancuso, Giuseppe De Certo, Giovanni Battaglia, Valentin Stratulat, Carlo Chmirri, Nancy Chimirri, Cesare e Francesco Costa, Giuseppe Franzè, Francesco Nobili, Giuseppe Navarra, Francesco Olivieri, Giuseppe Olivieri, Riccardo Papalia, Bruno Russo, William Gregorio, Giusy Milidoni, Giacomo Chirico, Pantaleone Perfidio, Clemente Selvaggio, Antonio Barbano. Circa 26mila piante, in tre distinte piantagioni sequestrate tra Nicotera e Lim




ECCO I NOMI DEGLI INDAGATI

Emanuele Mancuso, 30 anni, di Nicotera (in carcere)

Giovanni Battaglia, 32 anni, di Nicotera (in carcere)

Valentin Stratulat, 30 anni, romeno (in carcere)

Carlo Chimirri, 60 anni, di Capistrano

Giacomo Chirico, 21 anni, di Maierato (ai domiciliari)

Nensy Vera Chimirri, 26 anni, di Nicotera;

Cesare Costa, 37 anni, di Nicotera (in carcere)

Francesco Costa, 34 anni, di Nicotera;

Antonio Curello, 21 anni, di Vibo Valentia (obbligo di dimora)

Giuseppe De Certo, 25 anni, di Nicotera (in carcere)

Maria Ludovica Di Stilo, 23 anni, di Vibo (ai domiciliari)

Salvatore Ferraro, 22 anni, nativo di Palmi (ai domiciliari)

Giuseppe Franzè, 31 anni, di Stefanaconi (in carcere)

William Gregorio, 23 anni, di San Ferdinando (ai domiciliari)

Nicola Lo Russo, 39 anni, di Altamura ( ai domiciliari)

Giusy Milidoni, 21 anni, di Ionadi (ai domiciliari)

Giuseppe Navarra, 27 anni, originario di Rombiolo, ma domiciliato a Joppolo (in carcere)

Francesco Nobili, 32 anni, di Viterbo

Francesco Oliveri, 32 anni, di Nicotera (in carcere)

Riccardo Papalia, 34 anni, di Nicotera (ai domiciliari)

Bruno Russo, 27 anni, di Joppolo (ai domiciliari)

Pantaleone Perfidio, 31 anni, di Nicotera;

Clemente Selvaggio, 23 anni, di Vibo Valentia;

Giuseppe Olivieri, 36 anni, di Nicotera (fratello di Francesco Olivieri);

Mirco Fuchì, 25 anni, di Mandaradoni, frazione di Limbadi (ai domiciliari);

Antonio Barbano, 54 anni, di Genova;

Fulvio Esposito, 51 anni, di Genova;

Silvio Biasol, 79 anni, di Trieste.

Nello specifico: devono rispondere di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico Emanuele Mancuso, Giuseppe De Certo, Giovanni Battaglia, Valentin Stratulat, Carlo Chmirri, Nancy Chimirri, Cesare e Francesco Costa, Giuseppe Franzè, Francesco Nobili, Giuseppe Navarra, Francesco Olivieri, Giuseppe Olivieri, Riccardo Papalia, Bruno Russo, William Gregorio, Giusy Milidoni, Giacomo Chirico, Pantaleone Perfidio, Clemente Selvaggio, Antonio Barbano. Circa 26mila piante, in tre distinte piantagioni sequestrate tra Nicotera e Limbadi.

LEGGI QUI | ‘‘Ndrangheta e narcotraffico, il rampollo dei Mancuso di Limbadi “canta” e scattano i primi arresti

LEGGI QUI | Emanuele Mancuso, i primi verbali del “pentito” il business milionario della marijuana nel Vibonese

LEGGI QUI | “Giardini segreti”, la polizia di Vibo Valentia sgomina una banda di narcotrafficanti: 18 arresti (VIDEO)

LEGGI QUI | ‘‘Ndrangheta e narcotraffico, il rampollo dei Mancuso di Limbadi “canta” e scattano i primi arresti

LEGGI QUI | I verbali di Emanuele Mancuso e l’arresto del killer di Nicotera filmato in diretta con il drone

LEGGI QUI | Emanuele Mancuso e la sua rete di produzione della droga, 18 arresti e 21 indagati nel Vibonese (NOMI)