Regionali | Wanda Ferro a Vibo ribadisce: “Vicepresidenza si sceglie dopo il voto” (VIDEO)

Rimane quindi aperta la battaglia sul posto che, in teoria, sarebbe già stato assegnato a Nino Spirlì: “Per noi il popolo è sovrano”

Giorgia Meloni ha puntualizzato che saranno gli elettori a decidere sulla vicepresidenza, perchè per noi il popolo è sovrano. Quindi si deciderà in base al risultato“. Così la coordinatrice regionale di Fratelli d’Italia, Wanda Ferro, presente a Vibo Valentia alla presentazione dei candidati per le prossime elezioni regionali calabresi Sabatino e Brosio. Rimane quindi aperta la battaglia sul posto che, in teoria, sarebbe già stato assegnato a Nino Spirlì, come riaffermato nuovamente – dopo le parole di Giorgia Meloni – da Matteo Salvini (ne abbiamo parlato QUI).

“Se dovessi già dare dei consigli ad Occhiuto, nel primo quinquennio – afferma poi Ferro passando al programma elettorale – tra le priorità di Fratelli d’Italia c’è la messa a norma di una macchina che rappresenti una burocrazia di qualità; poi passerei alla fine del commissariamento della sanità; terza e non ultima il Recovery fund, ovvero risorse ingenti per il Mezzogiorno che vadano in infrastrutture, strutture sanitarie e tanti posti di lavoro per far smettere l’emigrazione da questa terra”.

Ma per risolvere il dramma della disoccupazione giovanile, che porta tanti giovani a lasciare la Calabria, cosa si può fare concretamente? “Aiutare le piccole e medie imprese: oggi sono loro che garantiscono la possibilità di posti di lavoro. Noi non siamo per il ‘metadone di Stato’ quale è il reddito di cittadinanza. E, soprattutto, sostenere le aziende con il sistema ‘più assumi e meno paghi’ e aiutando quelle che vengono a investire al Sud”.

“Il mio ruolo da coordinatore regionale è andare dai candidati che in qualche modo mi desiderano” dichiara ancora, spiegando che la prossima settimana sarà nuovamente a Vibo a sostegno del candidato Pietropaolo. “Non abbiamo cercato pacchetti di voti, dei mister preferenze, abbiamo cercato candidati che possano ridare vigore alla politica e speranza ai giovani. Ho detto tanti ‘no’ – conclude – i ‘si’ che ho dato al partito sono una garanzia per i cittadini“. (a.s.)