Rinascita, nuovo giudice anche nel processo a Pittelli

Novità anche nel procedimento che vede a giudizio anche Lo Riggio, Rizzo e Calabretta, con i giudici che hanno però anticipato la richiesta di astensione

Dopo la ricusazione del presidente del collegio Tiziana Macrì, a seguito della decisione della Corte d’Appello (ne abbiamo parlato QUI), cambiano in parte i giudici dello stralcio del processo Rinascita Scott che vede imputati l’ex parlamentare Giancarlo Pittelli (assente all’udienza di oggi), Mario Lo Riggio (presente in videocollegamento in quanto detenuto a Reggio Calabria), Salvatore Rizzo (agli arresti domiciliari e presente in aula) e Giulio Calabretta (anche’egli presente).

Al posto del giudice Macrì è arrivata la dottoressa Caputo, in qualità di giudice a latere insieme a Gilda Romano, mentre a presiedere il collegio è stata Brigida Cavasino. Una situazione che però è destinata a rimanere temporanea: la stessa Cavasino, insieme a Romano, hanno infatti annunciato che presenteranno richiesta di astensione, così come fatto nel procedimento principale (ne abbiamo parlato QUI). Per questo – e anche nell’attesa che si instauri un nuovo collegio nel filone ordinario, che dovrà poi valutare la riunione dei due procedimenti – l’udienza è stata rinviata, sempre nella nuova aula bunker di Lamezia Terme, al prossimo 19 gennaio.

LEGGI ANCHE | Rinascita, “falsa partenza” per il maxi processo: i giudici si astengono

LEGGI ANCHE | Rinascita, al via il maxi processo. Gratteri sbotta in aula: “Basta bugie”