Rinascita, “falsa partenza” per il maxi processo: i giudici si astengono

Nicola Gratteri: “Abbiamo perso un mese di tempo”. Il presidente del collegio Tiziana Macrì: “Non ritengo di essere incompatibile, ma prendo atto della decisione della Corte d’Appello”

Esercito, Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, elicotteri, servizio di vigilanza privata. È imponente la sicurezza attorno alla nuova aula bunker sorta nell’area industriale di Lamezia Terme dove si è celebrata, questa mattina, la prima udienza del maxi processo nato dall’inchiesta Rinascita Scott. Il lunghissimo elenco di imputati, avvocati e parti offese è ben esplicitato da un dato: il solo appello, iniziato intorno alle 11, si è concluso oltre 2 ore dopo. La data merita di essere cerchiata in rosso: il 13 gennaio 2021, in una fredda e piovosa giornata invernale, è infatti iniziato il vero e proprio processo contro la ‘ndrangheta vibonese destinato a rimanere nella storia. Fino ad oggi infatti è stata celebrata la sola udienza preliminare, nell’aula bunker del carcere romano di Rebibbia, a seguito della quale è stato disposto il rinvio a giudizio per oltre 300 imputati. Come prevedibile, però, quella di oggi è stata una “falsa partenza”.

L’astensione dei giudici.
I tre giudici del collegio giudicante – il presidente Tiziana Macrì, e Brigida Cavasino e Gilda Romano a latere – hanno infatti presentato una dichiarazione di astensione che dovrà essere valutata dal presidente del Tribunale di Vibo. Cavasino e Romano in quanto si sono già espresse su alcuni fatti di indagine nella sentenza che, lo scorso 27 ottobre, ha portato a diverse condanne contro il clan Soriano di Filandari. Tiziana Macrì, invece, in virtù del fatto che – in veste di Giudice delle indagini preliminari – aveva autorizzato un provvedimento di intercettazione esprimendo una prima valutazione di merito su alcuni elementi d’indagine.

“Abbiamo perso un mese di tempo”.
“Avevamo chiesto la ricusazione l’11 dicembre e solo oggi prendiamo atto che lei intende astenersi, quindi abbiamo perso un mese” ha detto il procuratore
Nicola Gratteri in aula. A chiarire la sua decisione è stata però il presidente Macrì, che ha spiegato: “Io non ritengo dentro di me di essere incompatibile, altrimenti l’avrei fatta prima. Il presupposto della mia dichiarazione di astensione è la decisione della Corte d’Appello: se la Corte non si fosse pronunciata io sarei andata avanti”.

“Sono qui oggi proprio per evitare di perdere tempo”.
“Il riferimento è alla decisione con cui lo stesso giudice è stato ricusato, in quanto ritenuto incompatibile, dallo stralcio del processo che vede a giudizio immediato quattro imputati tra cui l’ex parlamentare Giancarlo Pittelli (ne abbiamo parlato QUI). Sulla ricusazione nel procedimento principale, è importante precisare, ancora non è arrivata la decisione della Corte d’Appello. “Sono qui oggi – aveva inoltre già annunciato precedentemente il giudice Macrì – per costituire le parti e dare atto dei problemi di notifica, così da disporre la rinnovazione delle stesse ed evitare di perdere tempo agevolando la prossima udienza”.

Rinascita, al via il maxi processo. Gratteri sbotta in aula: “Basta bugie”