‘Ndrangheta nel Vibonese, estorsione a imprenditore: fermati il boss Antonio Mancuso e il nipote (VIDEO)

Blitz dei Carabinieri in provincia di Vibo Valentia sotto il coordinamento della Dda di Catanzaro. Eseguiti due fermi per estorsione aggravata dal metodo mafioso

Operazione dei Carabinieri della Compagnia di Tropea che, sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha eseguito un decreto di fermo a carico di due persone accusate in concorso tra di loro di estorsione aggravata dal metodo mafioso. La vittima è un imprenditore operante nel Vibonese.

In manette è finito il boss Antonio Mancuso, 81 anni, residente a Nicotera e ritenuto figura apicale dell’omonima famiglia di ‘ndrangheta di Limbadi. Con lui è stato fermato anche il nipote Alfonso Cicerone, 45 anni, già noto alle forze dell’ordine. Altre cinque persone risultano invece indagata dalla Dda a piede libero.




LEGGI ANCHE | Il boss non va in pensione e finisce in carcere per estorsione. Così Antonio Mancuso “vessava” un imprenditore vibonese

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, gli “amici” dei Mancuso, l’associazione Taranta Festival e le tangenti al bar di Nicotera