Troppi casi Covid, a Pizzo annullata la tradizionale “Fiera di Ognissanti”

Scuole della città disertate dagli alunni perché “i genitori evidentemente preoccupati hanno ritenuto di non consentire la loro presenza”

“Sulla base di acclarati e chiari elementi di fatto e anche di richieste provenienti da vari settori della comunità napitina, si ritiene opportuno procedere all’annullamento della “Fiera Ognissanti” alla luce della situazione che si è venuta a determinare sul territorio comunale che indubbiamente riflesse dell’andamento dell’epidemia a livello nazionale e regionale che vede un aumento dei casi di contagi Covid”. E’ quanto scrive nota la terna commissariale di Pizzo in relazione alla diffusione in città del Coronavirus.

Reppucci, Di Martino e Corvo scrivono ancora: “Negli ultimi giorni, su richiesta dell’Asp di Vibo, sono stati emessi 72 provvedimenti di quarantena e nella mattinata odierna sono stati sottoposti a tampone presso il drive – in appositamente costituito al centro vaccinale, 150 persone che hanno avuto contatti con i positivi registrati nelle scuole”. Scuole disertate dagli alunni perché “i genitori evidentemente preoccupati hanno ritenuto di non consentire la loro presenza”. Invero, una folta delegazione dei genitori degli studenti delle scuole dei vari ordini e gradi di Pizzo ha anche manifestato sotto la sede comunale chiedendo l’emissione di un provvedimento di chiusura. A questi è “stato fatto presente dell’esistenza di protocolli ministeriali che disciplinano rigidamente tale eventualità”.

Ritornando alla Fiera, “l’Associazione degli Ambulanti, preso atto di quanto avvenuto a determinarsi, ha proposto di tenere la Fiera in altra data. Una proposta su cui la Commissione Straordinaria si è riservata ogni decisione, comunque non pregiudizialmente contraria”.