“Aiutò il suocero a compiere un omicidio”, giovane imprenditore arrestato nel Vibonese

È in corso dalle prime luci dell’alba nel Vibonese un’operazione dei Carabinieri della Compagnia di Tropea che stanno eseguendo una misura cautelare in carcere emessa nei confronti di un giovane imprenditore edile di San Calogero, Salvatore Barone, che avrebbe aiutato il suocero a compiere un omicidio. Denunciate per falsa testimonianza e favoreggiamento personale anche due donne.

In particolare le indagini hanno documentato la partecipazione del giovane di 29 anni nell’omicidio dell’agricoltore Domenico Antonio Valenti, compiuto il 15 agosto del 2016 a San Calogero. In primo e in secondo grado è stato condannato per questo omicidio il suocero di Barone, Cosma Damiano Sibio, ritenuto l’autore materiale e colui che ha sparato diversi colpi di pistola contro la vittima con una pistola calibro 9×21. L’uomo è stato raggiunto al torace e in altre parti del corpo ed è stato quindi ferito mortalmente. Secondo quanto emerso nel processo alla base del delitto ci sarebbero stati rancori legati ai confini di alcuni terreni ubicati a San Calogero. In primo grado Sibio è stato condannato a 16 anni e la pena è stata poi ridotta a 12. Oggi i Carabinieri hanno chiuso un ulteriore cerchio arrestando quello che ritengono il presunto complice del delitto.

LEGGI ANCHE | Ammazzò anziano a colpi di pistola a San Calogero, pena ridotta da 16 a 12 anni

LEGGI ANCHE | Ferragosto di sangue, omicidio a San Calogero: fermato presunto autore