Fallito agguato all’armiere dei Mancuso, trovata alle porte di Vibo l’auto utilizzata dal commando

All’interno dei veicolo dato alla fiamme gli agenti delle Volanti hanno rinvenuto anche una pistola e una mitraglietta parzialmente bruciate

E’ stata ritrovata nei pressi del cimitero di Jonadi, alle porte di Vibo Valentia l’autovettura utilizzata dal commando che domenica sera ha tentato di uccidere Dominic Signoretta nella piccola frazione di Nao. L’auto, data alle fiamme, è stata rinvenuta dagli agenti delle Volanti di Vibo e all’interno sono state ritrovate anche delle armi: una pistola, una mitraglietta e un fucile a pompa. Le armi erano parzialmente bruciate mentre l’auto di proprietà di una signora di Riace è risultata rubata.

Tentato omicidio. Il fallito agguato è stato compiuto da tre persone nella tarda serata di domenica dinanzi all’abitazione di Signoretta che si trova ai domiciliari. Contro di lui sarebbero stati sparati oltre 30 colpi. I sicari erano nascosti dietro un cespuglio e il giovane è riuscito a salvarsi trovando riparo dietro un muretto. Signoretta è indicato dagli inquirenti come uomo di fiducia Pantaleone Mancuso alias l’ingegnere.

LEGGI ANCHE | Fallito agguato a Vibo, i retroscena del tentato omicidio di Signoretta e il profilo tracciato dai pentiti