Scontro al Comune di Jonadi, il sindaco Arena ribatte a Fialà: “Accuse strumentali”

Il primo cittadino si sofferma dettagliatamente su tutte le argomentazioni poste dal suo ex rivale alle ultime elezioni amministrative

Scontro aperto tra maggioranza e opposizione al Comune di Ionadi, centro alle porte di Vibo Valentia. Nelle scorse ore, è stato il sindaco Arena a replicare in modo dettagliato alle accuse “strumentali” del consigliere di opposizione Fialà, invitato dal capo dell’esecutivo ad essere “leale”.

“Non sarei sorpreso – ha detto Arena – se venissi additato, attraverso note stampa del capogruppo di opposizione Nazzareno Fialà, quale responsabile in quanto Sindaco, del fatto che i dipendenti del Comune di Ionadi vestano “Casual-chic” anziché jeans e maglietta o magari abbiano labbra al naturale anziché con rossetto rosso. Ironia a parte noto con rammarico, che il capogruppo di opposizione Fialà, non perde l’occasione per lasciarsi a dichiarazioni del tutto fantasiose, con il solo scopo di creare confusione nella cittadinanza pensando forse di poter distrarre e/o destabilizzare la maggioranza consiliare, dalle infinite attività, che con forza, energia e determinazione, sta portando celermente avanti nell’esclusivo interesse della collettività”.

“Dopo le note del consigliere Fialà, per puro spirito di informazione – ha proseguito Arena – sento il dovere di replicare con dati alla mano e documenti certi, respingendo tutte le falsità riportate nelle dichiarazioni del Fialà, che non per caso, da qualche giorno sembrerebbe abbia deciso di dichiarare pubblicamente “guerra” a codesta amministrazione”.

Entrando nelle specifico delle dichiarazioni di Fialà il primo cittadino chiarisce:
“in merito alla metanizzazione della frazione Vena, poichè asserisce incoerentemente che la paternità dell’opera, (per quanto personalmente ritengo sia ininfluente) è da riconoscersi all’esecutivo Fialà nel lontano 2016, la ricostruzione è alquanto fantasiosa, ed è dimostrabile dalle puntuali circostanze riepilogate a seguire:
– Intanto il suo esecutivo è cessato nel 2015 e, quindi, non si capisce come avrebbe potuto programmare il tutto nel 2016;
– Anche nel programma elettorale redatto in occasione della Sua candidatura a Sindaco nelle amministrative del 2017, lo stesso Fialà, riportava la metanizzazione di Vena, come punto programmatico prioritario da concepire (e, quindi, certamente non ancora effettuato).
– Con dati alla mano, posso dimostrare che la progettazione della metanizzazione è avvenuta grazie alla sinergia che vi è stata tra il Sottoscritto, l’esecutivo Arena, gli uffici comunali e lo staff Manageriale della Società Concessionaria 2i Rete Gas, di cui, anche, in questa circostanza, non rimane che ringraziare l’Ing, Favia, per la professionalità e la disponibilità prestata nel saper accogliere quelle che erano le necessità tecniche e promozionali riservate ai potenziali utenti del Comune di Ionadi. Tale progettazione (studio di fattibilità), redatta dalla Società 2i rete gas, è stata inoltrata al Comune di Ionadi in data 10/11/2017 prot. n. 7013, ed a seguito dell’iter espletato dall’Ufficio tecnico comunale, lostesso è stata approvata dall’esecutivo Arena, con Delibera di Giunta n. 11 del 01/02/2018 avente ad oggetto: “approvazione progetto per la realizzazione di un impianto per la distribuzione del gas metano in tutta la fraz. Vena”, conseguentemente sono iniziati i lavori a seguito dell’autorizzazione per l’esecuzione lavori. emessa in data 06/09/2018 prot. n 5856, tale ricostruzione, di cui il Fialà è perfettamente a conoscenza in quanto ha fatto regolare accesso agli atti, certifica che quanto lo stesso tende a sostenere è solo frutto di un’azione denigratoria che strumentalmente cerca di mettere in atto nei confronti dell’amministrazione Arena.

In riferimento, invece, all’articolo comparso giorni addietro, in merito al bando per la copertura di un posto vacante nell’area amministrativa, “dove lo stesso Fialà, tendeva in modo confusionario, ad asserire che non fossero stati applicati i principi di trasparenza necessari, intendo informarlo -ha sottolineato – che l’amministrazione ARENA, si è limitata, come di specifica competenza, a dare solo formale atto di indirizzo, affinché in Segretario Comunale, in qualità di responsabile dell’area Amministrativa, si attivasse ad espettare tutti gli atti necessari e conseguenziali previsti dalle leggi vigenti in materia, finalizzati alla copertura di un posto vacante presso codesto Ente, come d’altronde, già previsto nella documentazione programmatica precedentemente approvata in consiglio comunale in cui lo stesso Fialà era presente”.

“Tutto il resto rimane, un atto puramente gestionale – ha spiegato il sindaco – che certamente con la professionalità che contraddistingue il Responsabile dell’Area Amministrativa, avrà saputo redigere ed istruire secondo i dettami di legge, del resto lascio al capogruppo di minoranza Fialà, qualunque sua ulteriore considerazione che certamente non appartiene a codesta maggioranza, ne per storia, presente e futuro, in quanto mai in corsa per accaparrarsi posti pubblici ne come impiegati e/o dirigenti presso enti comunali e/o sovraccomunali, ricordandogli, inoltre, che l’amministrazione in carica, certamente sarà vigile affinché, qualunque procedura venga espletata secondo la massima trasparenza e legalità al fine di poter garantire alla collettività servizi sempre più efficienti, reclutando un istruttore amministrativo, attraverso un bando pubblico il più partecipato possibile, tale da poter individuare la migliore professionalità”.

Taglio dei pioppi. “In riferimento, invece, all’articolo pubblicato ieri nel quale venivo accusato sempre dal Fialà, di essere responsabile del taglio di tre pioppi posizionati sul suolo pubblico a ridosso delle due arterie principali S.S. 18 ed ex ferrovia, “addirittura di essere stati abbattuti dal Sindaco” respingo al mittente le accuse – ha concluso Arena – informandolo nel contempo che, vi è in corso un’attività di manutenzione straordinaria e di potatura curata dal responsabile dell’UTC arch. La Bella, che sta interessando la messa in sicurezza della viabilità pubblica nonché di tutti i luoghi pubblici dell’intero territorio comunale e ciò, rientra nell’ambito degli esiti scaturiti a seguito di un tavolo di concertazione effettuato giorni addietro con i Commissari Prefettizi attualmente in carica al Comune di Mileto, con lo staff Tecnico di ANAS, Provincia Vibo Valentia, con i tecnici e i responsabili del settore Vigilanza di entrambi i comuni e suffragati dalla preziosa consulenza di un agronomo specializzato in materia, dove si si è intravista la necessità di dover intervenire per monitorare, prevenire tutti quelli che potrebbero essere i potenziali pericoli verso l’incolumità pubblica lungo la viabilità comunale.

“Detto ciò, invito il consigliere di opposizione Nazzareno Fialà, a voler ricoprire il proprio ruolo di Consigliere comunale, nel modo più nobile possibile, senza lasciarsi andare con dichiarazioni fantasiose a frequenza quotidiana con stile ossessivo convulsivo e senza adeguata motivazione”.