Traffico internazionale di droga, colpito il gruppo Pititto-Prostamo-Iannello di Mileto (VIDEO)

Fiumi di droga dal Sud America nei porti di Gioia Tauro, Napoli e Genova. La Finanza ferma 54 persone e sequestra 8 milioni di euro. La base operativa era nel Vibonese

Colpisce il gruppo Pititto-Prostamo-Iannello di Mileto l’inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. Si tratta di un’operazione – condotta dalla Guardia di Finanza – contro il traffico internazionale di droga. Smantellata una vasta rete di narcotrafficanti che si estendeva in tutta Italia con contatti nel Sud America. La base operativa dell’organizzazione era in provincia di Vibo Valentia. Fiumi di cocaina sono stati intercettati nei porti di Gioia Tauro, Napoli e Genova. La droga arrivava dalla Colombia. Le fiamme gialle hanno eseguito 54 fermi e sequestrato beni per circa otto milioni di euro. L’inchiesta, denominata “Stammer”, ha toccato diverse regioni italiane.

Vibo epicentro del narcotraffico. Otto tonnellate di cocaina sono state sequestrate in Colombia nel corso dell’inchiesta coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dalla Guardia di finanza. Altri sequestri, nell’ordine di 60-100 chili per volta, sono stati effettuati in Italia ed in Europa. “L’operazione – ha detto il capo della Dda catanzarese Nicola Gratteri – conferma il rapporto privilegiato della ‘ndrangheta con i narcos sudamericani con accordi in cui i ruoli si mischiano, e la grande capacità di gestire la vendita in molte regioni. Questa operazione- è importante non solo per la quantità di droga che l’organizzazione era in grado di importare ma anche per la rete di vendita costituita in Italia e che coinvolgeva una decina di regioni, tra le quali anche Sicilia e Campania dove pure è presente una forte criminalità organizzata. Le cosche di ‘ndrangheta hanno mostrato ancora una volta una grande solidità finanziaria”. Lo stupefacente arrivava in Italia prevalentemente attraverso i porti di Gioia Tauro, Genova e Napoli. L’epicentro dell’ organizzazione era in provincia di Vibo Valentia. Al momento, dei 54 fermi ne sono stati eseguiti 43.

Traffico internazionale di droga, blitz della Finanza: sequestri per 8 milioni e 54 fermi (VIDEO)

Il generale si complimenta. Il comandante generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi, in visita ai reparti del Comando Regionale Calabria, esprime parole di apprezzamento per l’impegno operativo delle fiamme gialle calabresi nel contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti  nei confronti del gruppo ‘ndranghetista Pititto-Prostamo-Iannello di Mileto. Proprio a questo riguardo il generale Toschi ha incontrato il Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri, circostanza che rende tra l’altro evidente la straordinaria importanza di questa azione di contrasto alla ‘ndrangheta. Il generale Toschi ha voluto incontrare appositamente le pattuglie impegnate nell’esecuzione degli atti delegati di p.g. per complimentarsi del “risultato” raggiunto, al termine di un biennio, nel contrasto alla criminalità economico-finanziaria

L’impegno delle Fiamme gialle.  Azioni e attività di servizio che dimostrano il costante impegno della Guardia di Finanza per prevenire e reprimere il crimine organizzato e che permettono di strappare alle “mafie” la loro linfa vitale, patrimoni in continuo movimento che i criminali cercano di investire e riciclare, inquinando l’economia legale. In tale ambito, si inquadra l’operazione della Guardia di Finanza calabrese, che oggi ha posto un decisivo freno alla capacità della delinquenza organizzata di condizionare la vita sociale e il benessere degli italiani.