Attualità

Venti di guerra in estremo oriente, Taipei: “Aerei e navi cinesi hanno superato la linea mediana dello Stretto”

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha subito condannato le esercitazioni militari della Cina intorno a Taiwan definendole "una escalation significativa"

Album di default

Dopo la Russia, ora è la Cina a tenere il mondo col fiato sospeso dopo la crisi scoppiata a Taiwan . Secondo quanto reso noto dal ministero della Difesa di Taipei, gli aerei e le navi da guerra cinesi hanno attraversato la ‘linea mediana’ dello Stretto di Taiwan nel secondo giorno di esercitazioni militari su vasta scala in risposta alla visita a Taipei della presidente della Camera americana Nancy Pelosi: in una nota, il ministero della Difesa dell’isola ha definito le ultime manovre come ” altamente provocatorie “. A partire dalle 11 locali (5 in Italia), “più aerei da guerra e navi da guerra cinesi hanno condotto esercitazioni intorno allo Stretto di Taiwan e hanno attraversato la linea mediana dello Stretto”, ha affermato il ministero.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha subito condannato le esercitazioni militari della Cina intorno a Taiwan definendole “una escalation significativa”. Secondo Blinken non c’è “alcuna giustificazione” per le manovre decise da Pechino in risposta alla visita a Taiwan di Pelosi e ha definito la reazione “clamorosamente provocatoria”.

Blinken, parlando all’East Asia Summit in Cambogia, ha affermato che Pechino ha cercato di intimidire non solo Taipei, ma anche i vicini, dopo aver lanciato le manovre militari più grandi di sempre nello Stretto di Taiwan, puntando al cambio dello status quo . Secondo quanto riporta Bloomberg, Blinken, al vertice a cui hanno partecipato anche i ministri degli Esteri cinese e russo, Wang Yi e Sergei Lavrov, ha rimarcato che la visita di Pelosi era pacifica.