Quantcast
Cronaca

Omicidio di Ferragosto nel Vibonese, in tre a giudizio in Corte d’Assise (NOMI)

Uno degli imputati deve rispondere di omicidio commesso con l'aggravante della premeditazione e dei futili motivi

tribunale-vibo1 vecchio.jpg

Rinvio a giudizio per Salvatore Barone, 32 anni, Natalina Lorella Sibio, 28 anni ed Antonella Restuccia, 47 anni, tutti di San Calogero, difeso dall’avvocato Giovanni Vecchio, per l’omicidio di Domenico Antonio Valenti, agricoltore ucciso a Ferragosto del 2016, proprio nel centro posto all’estremo Sud della provincia di Vibo. L’anziano cadde in un vero e proprio agguato, mentre si stava recando nel suo fondo, dopo aver festeggiato Ferragosto in famiglia. Giunto all’altezza del ponte Calderaro, era stato attinto da numerosi colpi di pistola. Secondo i giudici che hanno disposto il rinvio a giudizio, Salvatore Barone, in concorso con Cosma Damiano Sibio -giudicato separatamente -sarebbe il responsabile dell’uccisione dell’anziano. Entrambi avrebbero agito con la premeditazione e i futili motivi. Dal canto loro Antonella Restuccia e Natalina Lorella Sibio, avrebbero aiutato Barone “ad eludere” le forze dell’ordine. Addirittura, convocate dai carabinieri di Tropea, le due donne sarebbe state sorprese a concordare la versione da fornire ai militari dell’Arma. Dunque, avrebbero fornito dichiarazioni false e reticenti al pubblico ministero. Parti civili, Caterina Gigliotti, Caterina Valenti, Maria Concetta Valenti, Giuseppe Valenti, difese dall’avvocato Giuseppe Di Renzo.

Il processo si celebrerà, in Corte d’Assise a Catanzaro, 13 dicembre 2022, a partire dalle 9.30.

Più informazioni