Quantcast
Politica home

Imprese e sviluppo economico, Varì: “La Regione punta sulla finanza sostenibile”

"La finanza sostenibile – ha sostenuto l’assessore – rappresenta un'occasione importante per indirizzare investimenti pubblici e privati"

varì

“Le performance delle imprese sono ormai valutate non solo per la propria capacità di creare ricchezza in termini economici ma anche e soprattutto per l’attitudine ad assumere decisioni trasparenti e a creare ricchezza sociale, in termini di coesione, salvaguardia dell’ambiente e benessere dei lavoratori. In questa ottica vanno letti i criteri Esg, acronimo che sta per Environmental, Social e Governance (ambiente, sociale e governance), che negli ultimi tempi sono diventati un rating di sostenibilità, oltre che una vera e propria guida per il sistema delle imprese per favorire i processi di trasformazione dell’impegno etico e morale di un’azienda verso l’ambiente, la società e l’etica gestionale”.

Lo ha detto l’assessore regionale allo Sviluppo economico e Attrattori culturali, Rosario Varì, intervenendo al workshop “Esg le nuove regole sulla finanza sostenibile: rischi e opportunità per le imprese”, promosso da Unindustria Calabria e svoltosi nella sala convegni “G. Papaleo” di Confindustria Catanzaro.

“Le logiche Esg portano alla creazione di un ecosistema virtuoso – ha proseguito Varì – le imprese che ne tengono considerazione sono meglio gestite, più sostenibili ed orientate al futuro e sono anche quelle più attenzionate sia dai consumatori, che preferiscono sostenere le aziende che producono impatti positivi nell’ambiente, sia dagli investitori, attenti a contribuire alla transizione verso un’economia carbon free e a ridurre i rischi finanziari derivanti dai cambiamenti climatici e dalle crisi derivanti dalla scarsità di alcune risorse. Peraltro il rating di sostenibilità sarà nei prossimi anni cruciale per l’accesso al credito ed è quindi fondamentale che le imprese ne tengano adeguata considerazione in maniera tale che sia per loro un’opportunità di crescita e non un rischio di esclusione dal mercato. Tuttavia, in questo processo, la finanza sostenibile non deve perdere il ruolo di sostegno alle politiche industriali europee e nazionali e potrà farlo solo se porterà regole e processi che non introducono maggiore burocrazia o forme mascherate di protezionismo, ma che permettano al sistema industriale di avviare o rafforzare il percorso verso modelli di business più sostenibili”.

“La finanza sostenibile – ha concluso l’assessore Varì – rappresenta quindi un’occasione importante per indirizzare investimenti pubblici e privati verso modelli economici più performanti e compatibili con la dimensione sociale e ambientale, quindi sostenibili. L’impresa moderna deve essere strumento di ricchezza e coesione sociale e di salvaguardia dell’ambiente e deve mettere gli investitori al riparo dai rischi connessi ai cambiamenti climatici e alla scarsità anche contingente delle risorse. In quest’ottica, il Governo regionale nel PR 21/27 ha previsto negli obiettivi di policy e negli obiettivi specifici risorse ingenti per avere una Calabria più smart (innovazione, ricerca e digitale), più verde (efficientamento energetico ed energie rinnovabili) e più sociale ed inclusiva. È un’opportunità decisiva che non possiamo permetterci di perdere”.