Quantcast
Primo piano 2 vibo valentia

Vibo, degrado al cimitero di Vena: la denuncia dei cittadini (VIDEO)

Gli abitanti della frazione non vogliono essere trattati come cittadini di serie B e pretendono il rispetto per i loro cari defunti

Le immagini sono eloquenti, desolatamente eloquenti. A recapitarle alla nostra redazione, cittadini indignati, non rassegnati all’idea che, vivendo orgogliosamente nelle frazioni, si debba accettare di convivere con il degrado e l’abbandono di un’amministrazione che non riesce a guardare al di là del proprio naso. L’aspetto che più indigna è che questo stato di colpevole abbandono è riservato ad un luogo sacro, destinato a custodire l’intimo dolore di chi qui viene per pregare e ricordare affetti che non ci sono più. È in questa condizioni che è ridotto il cimitero di Vena, frazione di Vibo Valentia, una delle tante periferie che sono abbandonate a se stesse.

I cittadini non ci stanno, non accettano l’idea di essere trattati di serie B; anzi, di non essere proprio trattati, tenuti in considerazione, lasciati al degrado e all’abbandono. Il cimitero, più di ogni altro luogo di un paese, esige rispetto e cura e le condizioni in cui viene oggi lasciato è un atto di colpevolezza. Gli abitanti di Vena non ci stanno. Evidenziano le condizioni del cimitero e denunciano lo stato di abbandono. Chiedono di essere considerati, di ricevere un minimo di attenzione.

Che il cimitero sia in queste condizioni non è accettabile. Mai e soprattutto in questo periodo, con l’avvicinarsi della festa della Madonna delle Grazie, che a Vena è attesa sempre con partecipazione; soprattutto con l’arrivo dell’estate che coincide con il ritorno dei tanti emigranti che ricercano affetti e considerano la visita ai propri defunti un momento imprescindibile. L’amministrazione comunale si assuma il compito che gli spetta. E renda fruibile, visitabile un luogo sacro, come il cimitero, che richiede doveroso rispetto.

Più informazioni