Influenza aviaria, 14 milioni di capi abbattuti in Italia

Coldiretti lancia l’allarme sui rifornimenti per la carne di tacchino. “Mezzo miliardo di danni. Ma per fortuna vediamo la fine del tunnel”

Aviaria, la Coldiretti fa i conti. Dopo 306 focolai e 14 milioni di capi abbattuti da ottobre, il responsabile zootecnia dell’associazione, Giorgio Apostoli, elenca: “Sono almeno 2.500 gli allevamenti coinvolti, in sostanza la metà di quelli italiani. Mezzo miliardo di danni, perché nel conto vanno considerate anche le conseguenze delle misure di protezione e sorveglianza, che in certe zone hanno provocato il blocco totale degli accasamenti di pulcini”.
Ma prevede problemi di rifornimento nei supermercati? “Il rischio è concreto – ragiona l’esperto di Coldiretti –. E riguarda prima di tutto i tacchini, che vengono prodotti proprio nelle zone al centro dei focolai”. Parliamo di Veneto e Lombardia, ricorda Apostoli, “poi c’è stato qualcosa in Friuli Venezia Giulia  e un caso in Lazio”.

Potrebbero esserci problemi di rifornimento anche per uova e pollo. “Ma per fortuna – avvisa il responsabile zootecnia di Coldiretti – già da qualche giorno non vediamo più casi. Insomma sembra che siamo arrivati alla fine del tunnel. Anche se l’inverno è ancora lungo…”.

CONTINUA A LEGGERE QUI