Anteo, spaccio di droga tra Vibo e Catanzaro: 37 richieste di rinvio a giudizio (NOMI)

La Dda ha chiesto il processo per decine di indagati. L’inchiesta è stata portata avanti anche grazie alle dichiarazioni del pentito Emanuele Mancuso

La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio per 37 indagati nell’ambito dell’indagine denominata “Anteo“, scattata il 17 maggio 2021, su una presunta associazione criminale dedita al traffico di stupefacenti tra CatanzaroVibo e Reggio. Ma non solo: le persone coinvolte sono accusate a vario titolo dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsione, tentata e consumata anche con l’aggravante mafiosa, ricettazione, detenzione e porto abusivo di armi anche clandestine e da guerra, detenzione di materiali esplodenti e furto.

Il giorno degli arresti il procuratore Nicola Gratteri aveva parlato di “venditori di morte senza scrupoli: cedevano le dosi davanti ai Sert dove giovani, anche minorenni, cercano di uscire dalla dipendenza”. “Quella che potrebbe sembrare una realtà criminale marginale, di serie B – aveva evidenziato Gratteri – in realtà copriva in modo capillare il territorio interfacciandosi con le vicine Serre vibonesi e la Locride nel Reggino”.

L’indagine è stata portata avanti anche grazie alle dichiarazioni del pentito Emanuele Mancuso, tra gli indagati dell’inchiesta insieme all’ex compagna Nency Vera Chimirri. Il gup di Catanzaro Matteo Ferrante ha fissato l’udienza preliminare per il 17 marzo 2022, presso l’aula bunker del tribunale di Catanzaro.

La Dda, nello specifico, ha chiesto il processo per:
Raffaele Andreacchio, 44 anni di Guardavalle;
Ernesto Bertucci, 41 anni di Soverato;
Anthony Salvatore Catanzariti, 26 anni di Olivadi;
Vito Chiefari, 36 anni di Torre di Ruggiero;
Nensy Vera Chimirri, 29 anni di Nicotera;
Giuseppe Corapi, 38 anni di San Sostene;
Antonio Corrado, 53 anni di Chiaravalle Centrale;
Daniele Cortese, 31 anni di Capistrano;
Antonio Cuturello, 31 anni di Limbadi;
Fortunato Demasi, 46 anni di Simbario;
Damiano Fabiano, 30 anni di Cardinale;
Francesco Fabiano, 25 anni di Chiaravalle Centrale;
Giuseppe Fabiano, 37 anni di Chiaravalle,
Mirco Furchì, 28 anni di Limbadi;
Domenico Giorgi, 25 anni di Benestare;
Domenico Giorgio, 41 anni di Chiaravalle Centrale;
Luciano Iozzo, 58 anni di Chiaravalle Centrale;
Salvatore Macrì, 33 anni di Chiaravalle Centrale;
Emanuele Mancuso, 34 anni di Nicotera;
Giuseppe Marco Marchese, 33 anni di Chiaravalle Centrale;
Michele Matarese, 45 anni di Montepaone;
Gianluca Minnella, 26 anni di Bovalino;
Mirko Pironaci, 36 anni di Montepaone;
Antonella Procopio, 35 anni di Centrache;
Bruno Procopio, 30 anni di Ardore;
Santino Procopio, 38 anni di Centrache;
Antonio Puntieri, 31 anni di Olivadi;
Clemente Selvaggio, 26 anni di Vibo Valentia;
Giuseppe Soriano, 30 anni di Filandari;
Rocco Bruno Caruso, 51 anni di Serra San Bruno,
Roberto Venuto, 43 anni di Olivadi,
Antonio Chiefari, 70 anni di Torre Ruggiero;
Gregorio Corrado, 32 anni di Centrache;
Vincenzo Manno, 30 anni di Amaroni;
Agostino Graziano Mantello, 41 anni di Torre Ruggiero,
Giovanni Rauti, 40 anni di Torre Ruggiero,
Antonio Rei, 31 anni di Chiaravalle Centrale.

LEGGI ANCHE | Inchiesta “Anteo”, lo spaccio di droga nel “libro mastro” tra nomi “criptici” e “fantasiosi”
LEGGI ANCHE | “Anteo”, Emanuele Mancuso racconta l’arsenale dei Fabiano: “Avevano armi da guerra”

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, droga e bombe: 30 misure cautelari tra Catanzaro, Vibo e Reggio (NOMI-VIDEO)
LEGGI ANCHE | Operazione “Anteo”, Gratteri: “Abbiamo fermato dei venditori di morte” (VIDEO)