Provinciali a Crotone, cinque liste in campo: i nomi di tutti i candidati

Per la presidenza “scontro” tra Sergio Ferrari per il centrodestra e Vincenzo Voce per il centrosinistra

Sono cinque le liste presentate stamattina per l’elezione del Consiglio provinciale di Crotone, in programma il prossimo 18 dicembre.

Per il centrodestra, che appoggia la candidatura a presidente del sindaco di Cirò Marina, Sergio Ferrari, saranno tre le liste in lizza, e precisamente “Ripartiamo con Ferrari presidente”, “Provincia Futura” e “Crotone protagonista” (dell’area Sculco). Per quest’ultima, però, c’è da fare un distinguo per la mancata condivisione della candidatura a presidente dello stesso Ferrari.

Per il centrosinistra, invece, le liste a sostegno di Vincenzo Voce sono due: “Per la città” (emanazione dell’attuale amministrazione comunale di Crotone) e “Per il territorio”, che fa riferimento ai sindaci e consiglieri del Partito Democratico e del centrosinistra.

Per “Crotone Protagonista” sono cinque i candidati a consigliere provinciale, e precisamente Antonio Megna, Maria Carmela Sculco, Carmine Macrì, Elisabetta Amasino ed Annunziato Cotrone.

Per “Ripartiamo con Ferrari Presidente” dieci candidati: Pietro Durante, Teresa Ferrazzo, Vittoria Gentile, Vincenzo Raffaele Lagani, Umberto Lorecchio, Cataldo Maltese, Giusi Pirito, Martina Piro, Francesco Sirianni e Salvatore Turco.

Anche per “Provincia futura” concorreranno in dieci: Giuseppe Fiorino, Fabio Manica, Raffaele Gareri, Fabio Brescia, Ferdinando Militerno, Francesco Giuseppe Greco, Francesca Rosa Larocca, Maria Fernanda Giovinazzi, Carmelina Comberiati e Francesca Iocca.

Sul versante del centrosinistra, invece, nella lista “Per la Città” sei i consiglieri candidati: Dalila Venneri, Domenico Lo Guarro, Paola Liguori, Santo Vincenzo Facino, Salvatore Lucanto e Pietro Vigna.

Otto gli aspiranti nella lista “Per il Territorio”: Marianna Caliguiri, Gina Spina, Antonio Barberio, Salvatore Codispoti, Giuseppe Dell’Aquila, Franco Parise, Maria Grazia Fauci e Bruno Rachieli.

Come ricordavamo all’inizio si voterà il prossimo 18 dicembre sia per il presidente dell’ente intermedio che per il Consiglio: il tutto avverrà in due elezioni diverse ed i voti saranno ponderati, cioè avranno un peso diverso tra i vari comuni in base al numero degli abitanti.