Economia & società

Porto Gioia Tauro, Cisl Calabria evidenzia necessità di prospettive più ampie

Russo: "Apprezziamo l' iniziativa di Medcenter, ma dell' infrastruttura bisogna fare un luogo di destinazione, non solo di transito"

Il porto di Gioia Tauro

Il piano lanciato dalla società Medcenter, che prevede l’investimento di oltre 50 mln di euro per potenziare il porto di Gioia Tauro, è stato così commentato dal segretario generale della Cisl Calabria, Tonino Russo:” Apprezziamo l’iniziativa della società Medcenter; riteniamo, però, che del porto di Gioia Tauro sia necessario fare un luogo di destinazione, non solo di transito. È necessario, infatti, valorizzare tutte le potenzialità che l’importante infrastruttura offre con la sua vasta area retroportuale, con l’area industriale, con la ZES, con il gateway ferroviario, rilanciando il trasporto ferroviario e l’intermodalità integrata nave-ferro-gomma, senza dimenticare il bacino di carenaggio alla cui realizzazione si deve puntare”.

“Il transhipment, insomma, da solo non basta – sostiene Russo -; rientra infatti in una visione strategica per lo sviluppo non solo di quell’area, ma dell’intera Calabria, che Gioia Tauro si apra anche alla crocieristica per accogliere un turismo internazionale attratto dalle bellezze della nostra regione, dalle sue ricchezze paesaggistiche, ambientali e archeologiche. Concretizzare questa prospettiva nel cuore del Mediterraneo – conclude il segretario – costituisce una grande opportunità di sviluppo che non deve essere trascurata”.