Vibo punto di riferimento per la medicina: convegno nazionale alla presenza degli studenti (VIDEO)

L’obiettivo è stato quello di promuovere una chiave di lettura diversa nella professione, che guarda alle differenze tra uomini e donne sia nella terapia che nella diagnosi

Vibo Valentia si conferma un punto di riferimento per la medicina di genere. Un convegno di carattere nazionale si è infatti tenuto nella città calabrese sabato 25 settembre con l’obiettivo di continuare la promozione di una una chiave di lettura diversa nella professione, una prospettiva che guarda alle differenze di genere sia nella terapia che nella diagnosi.

Differenze tra uomini e donne, dunque, che sono rilevanti nelle tematiche respiratorie in periodo di Covid, ma anche per aspetti di carattere nutrizionale e non solo. Con un’innovazione: al convegno, affianco a professionisti affermati, hanno partecipato i ragazzi degli ultimi anni delle scuole superiori, per promuovere una cultura diversa della medicina anche nelle future generazioni di medici. “Il giovane è affascinato dalla medicina – ha detto il presidente dell’ordine dei medici di Vibo Maglia – come scienza e non come sciamani, come interesse e passione per la ricerca”.

“Incontri calabresi di medicina generale” è stato il titolo del congresso medico nazionale che si è tenuto nei locali dell’hotel 501. L’iniziativa, alla sua prima edizione, è stata voluta dai medici presidenti Maglia e Anelli: responsabile scientifico è stato il medico Lavalle. Diverse le tematiche affrontate. Il filo conduttore degli argomenti trattati è il Covid19, con una disamina specifica di ogni aspetto che il virus sta intaccando.