Padre Pio: muore frate Marcellino, l’ultimo testimone per la sua beatificazione

Era ancora uno studente di Teologia quando conobbe Padre Pio nel 1952. Dai suoi ricordi, annotati su un diario, sono nati quattro libri

È morto ieri a 91 anni Marcellino Iasenzaniro, l’ultimo dei frati che ha deposto come testimone davanti al Tribunale ecclesiastico diocesano nella Causa di beatificazione e canonizzazione di Padre Pio. Lo rende noto Stefano Campanella, responsabile dell’emittente Tele Radio Padre Pio.

Nato il 13 giugno 1930 a Casacalenda (Campobasso), frate Marcellino (in foto, ndr) era ancora uno studente di Teologia quando conobbe Padre Pio nel 1952. Fu inviato a San Giovanni Rotondo per la gestione della corrispondenza in lingua italiana e vi rimase per due mesi. Vi tornò nel 1955 e, infine, dal 26 aprile al 26 settembre 1965 come addetto alle lettere in lingua inglese e come assistente personale. Dai suoi ricordi, annotati su un diario, sono nati quattro libri: “Il Padre” (in tre volumi), “Padre Pio. Profilo di un Santo” (in due volumi), “Padre Pio parla della Madonna” e “La Madonna nella vita di Padre Pio”.

Era entrato in convento a 16 anni, legandosi temporaneamente all’Ordine dei Frati Minori Cappuccini il 16 settembre 1947. Dopo l’ordinazione sacerdotale il 21 febbraio 1954, conseguì a Roma la licenza in Teologia e, successivamente andò a Milano, laureandosi in Lettere all’Università Cattolica del Sacro Cuore. I funerali di frate Marcellino si svolgeranno domani, martedì, alle ore 11: 30 e saranno trasmessi in diretta su Padre Pio Tv. (ANSA)