Le iniettarono sei dosi di Pfizer, ora non può avere il green pass

Il calvario della 23enne Virginia Grilli che, oltre a problemi di salute, non riesce ad avere il certificato

“Nessuno si prende la responsabilità di rilasciarmelo essendo io un caso unico, se non avrò farò causa a Regione Toscana e Ministero della Salute”. A riferirlo è Virginia, la 23enne con laurea triennale in Psicologia clinica e oggi studentessa magistrale all’università di Pisa balzata alla cronaca per aver ricevuto per errore ben 6 dosi di vaccino. E oggi, a 3 mesi dalle 6 dosi, a cui sono susseguiti continui controlli per accertare la gravità degli effetti collaterali, la ragazza non può ottenere il Green pass.

“Mi avevano detto che l’overdose di vaccino avrebbe annullato il vaccino stesso e dunque non avrei avuto gli anticorpi e invece sono arrivati. Due mesi e mezzo dopo l’iniezione, ho valori che superano di 60 volte la soglia della normale vaccinazione con due dosi”.