Vibo, “La settimana della legalità” apre l’anno della Capitale italiana del Libro

Il primo appuntamento è fissato per giorno 16 Luglio presso la Villa Comunale Nazzareno Cremona

La proclamazione della città di Vibo Valentia a “Capitale Italiana del Libro 2021” è una opportunità unica, un momento di riscatto probabilmente irripetibile.
“La soddisfazione della nomina continua a moltiplicarsi ogni qualvolta cittadini, artisti, autori, confermano la loro fiducia dichiarando piena collaborazione al progetto”, sostiene il Sindaco Maria Limardo. Grazie al supporto della cittadinanza, delle associazioni, il programma di Capitale del Libro 2021 comincia a prendere forma, declinandosi in settimane dedicate a singoli temi trattati attraverso presentazioni di libri, recital e serate musicali incentrate su un cantautore, un autore, un’atmosfera, anche in modo indirettamente riconducibile alla promozione della lettura.
“La settimana della legalità” aprirà l’anno del libro, l’obiettivo è quello di condividere con la comunità pratiche quotidiane di contrasto alla criminalità organizzata anche costituite da momenti di riflessione guidati da soggetti che, a vario titolo, sono impegnati nel contrasto alle mafie e alla corruzione. Il primo appuntamento è fissato per giorno 16 Luglio presso la Villa Comunale Nazzareno Cremona. Alle 18.30 introdurrà il Nucleo Cinofili dei Carabinieri di Vibo Valentia i quali coinvolgeranno i più piccoli mediante dimostrazioni dell’attività operativa. Seguirà la presentazione del libro “L’omicidio di Pompeo Panaro. Omertà, omissioni e connivenze” alla presenza dell’autore Don Ennio Stamile, già referente Libera Calabria, del Procuratore aggiunto della DDA di Reggio Calabria Dott. Gaetano Paci, del giornalista di inchiesta Michele Albanese. La cittadinanza è invitata a prendere parte, presto il calendario degli eventi di “Capitale Italiana del Libro 2021”.