Nel Vibonese 117 kg di carne e pesce trasportati a temperature elevate: scatta il sequestro

Gli alimenti, destinati ad alcuni esercizi commerciali della provincia di Vibo e di Reggio, erano trasportati a una temperatura di +4° invece dei prescritti e inderogabili -18°

Nei giorni scorsi, lungo la statale SS18, gli agenti della Sezione Polizia Stradale di Vibo Valentia hanno sottoposto a controllo un veicolo commerciale isotermico che effettuava un trasporto di prodotti per consumo alimentare, in regime di temperatura controllata, destinati ad alcuni esercizi commerciali della provincia di Vibo Valentia e di Reggio Calabria. Stante la delicatezza del settore, la Polizia stradale è stata aiutata dal personale medico – responsabile per la sicurezza alimentare – dell’Asp di Vibo Valentia.

Gli accertamenti stabilivano che gli alimenti surgelati venivano trasportati a una temperatura di +4° C, invece dei prescritti e inderogabili -18° C previsti dalla normativa. Essendo stata interrotta la catena del freddo, e dovendo i prodotti in fase di scongelamento essere consumati nel più breve tempo possibile, proprio al fine di evitare la messa in commercio della stessa merce con un nuovo processo di surgelazione, ne è conseguito il sequestro della stessa merce per 117 kg di carne e pesce. Al conducente del veicolo applicata una sanzione amministrativa di 1.000 euro, mentre il titolare della ditta di trasporto è stato denunciato alla locale Procura della Repubblica per violazione delle norme poste a presidio della sicurezza alimentare nell’ambito del trasporto di alimenti destinati al consumo umano. I controlli della Polizia Stradale continuano incessanti.