Vibo, il Morelli festeggia Martina Greco: prima classifica alle olimpiadi di lingue classiche (VIDEO-INTERVISTA)

Un’intera giornata di festeggiamenti per Martina Greco, organizzata dal dirigente e dai docenti. Presenti anche il sindaco Maria Limardo e l’assessore alla Cultura Daniela Rotino

Una giornata di festeggiamenti nell’auditorium del liceo classico M. Morelli di Vibo per una studentessa modello che ha saputo vincere il primo premio alle olimpiadi nazionali di lingue classiche. Martina Greco è rimasta tutto il tempo in prima fila ad ascoltare. Accanto a lei, mamma e papà ed ovviamente l’inseparabile professoressa Caterina Scolieri, la docente di Latino e Greco che in Martina, nella sua capacità di “leggere ed amare gli antichi” ha creduto fino alla fine. Una giornata speciale, nella quale presente e passato si sono coniugati perfettamente, in nome della valorizzazione delle eccellenze.

Al Morelli è ritornato dopo qualche anno Davide Paolillo, talento in discusso, vincitore di vari certamina e delle Olimpiadi nazionali classiche nel 2013, da poco laureato in filologia classica alla Scuola Normale di Pisa. E lo ha fatto per una lectio magistralis perfettamente legata alla stringente attualità. “La peste in Tucidide: il morbo e la dissoluzione sociale”. Un giovane studioso capace di correlare alla perfezione passato e presente, rigore storico ed erudizione letteraria, eventi endemici e diseguaglianze sociali. “Prima della pandemia le diseguaglianze si accentuavano anche nel passato –ha detto Paolillo –per poi diminuire”. Già perché la storia che sia o meno “magistra vitae” comunque qualcosa avrebbe dovuto insegnare pure a quella civiltà post-moderna, colpita al cuore dal virus proprio come gli “ingenui” uomini antichi.

La premiazione di Martina Greco, tuttavia, è stato il momento culminante, con la consegna di medaglia, targa e pergamena da parte di docenti e del dirigente Raffaele Suppa: “Il traguardo raggiunto –ha puntualizzato il capo d’Istituto –dimostra che la scuola non si è fermata, nemmeno durante l’emergenza ed ha saputo guardare ai bisogni di chi è rimasto indietro, senza trascurare le proprie eccellenze”.

Parole che hanno trovato eco nelle riflessioni del primo cittadino Maria Limardo: “Abbiamo ingranato la marcia giusta –ha ribadito il capo dell’amministrazione -. La Vibo capitale del libro si coniuga perfettamente a quella che vince anche le olimpiadi di cultura classica”. Poi ancora, con gli occhi lucidi: “Ho abbracciato Martina –ha sottolineato il sindaco-. Ed il mio abbraccio, simbolicamente è stato quello dell’intera comunità che deve molto a questa prestigiosissima scuola, al dirigente e ai docenti. Perché nulla arriva mai dal caso”. Insomma, la strada intrapresa è quella giusta. Concetto ribadito dall’assessore alla Cultura Daniela Rotino: ”Dobbiamo solo proseguire su questa strada, specie ora che la nostra città è capitale del libro. Questo è l’inizio del cambiamento che auspichiamo. Mi aspetto altri successi”.

Insomma, un grande entusiasmo, sulle musiche degli allievi del liceo classico M. Morelli. Una vera e propria band, coordinata dal rappresentante d’Istituto Antonino Arena, capace di legare alla perfezione nuda erudizione e spensieratezza giovanile.