Fingeva di essere cieco ma… guidava l’auto: denunciato per truffa (VIDEO)

L’uomo aveva ricevuto, negli anni, ben 160mila euro di indennità di accompagnamento. Scoperto dalla Guardia di Finanza di Crotone dovrà ora rispondere di truffa aggravata

Un uomo, nel Crotonese, ha ottenuto negli anni un’indennità di accompagnamento per cecità totale pari a 160mila euro. La Guardia di Finanza, dopo una serie di controlli incrociati e di pedinamenti, ha scoperto che l’uomo conduceva, con assoluta normalità, tutti gli atti di vita quotidiana, addirittura spostandosi da un luogo all’altro utilizzando la propria auto. La scoperta è arrivata all’esito di una complessa attività di analisi operativa di rischio, denominata “Falsi ciechi”, durante la quale i finanzieri del Comando provinciale di Crotone hanno avviato un’articolata attività di indagine di polizia giudiziaria al termine della quale è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Crotone un responsabile per “Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche”.

I confronti con la Motorizzazione civile.
In particolare, la componente specialistica del Corpo ha acquisito presso l’Inps i dati concernenti i percettori di assegni di pensione di invalidità e/o di indennità di accompagnamento concessa ai ciechi civili assoluti, con riferimento a tutto il territorio nazionale. I nominativi forniti dall’ Inps sono stati comparati con l’esito dell’interrogazione della banca dati dei titolari di patente di guida presso la Motorizzazione civile. L’incrocio dei dati estrapolati dalle banche dati menzionate hanno permesso di individuare i percettori che, riconosciuti ciechi civili e quindi beneficiari della pensione di invalidità e/o dell’indennità di accompagnamento derivante da cecità totale avessero successivamente ottenuto il rilascio ovvero il rinnovo della patente. Partendo da tale base informativa i militari del gruppo di Crotone hanno intrapreso una mirata attività di riscontro nei confronti di M.A., classe ’54, di Strongoli (provincia di Crotone).

Cieco totale si spostava… con la propria auto.
I Finanzieri crotonesi hanno provveduto ad acquisire la certificazione medica e la documentazione afferente il riconoscimento degli emolumenti previdenziali da parte degli Enti di riferimento, procedendo, altresì, all’esecuzione di servizi di osservazione, controllo e pedinamento. L’attività compiuta ha permesso di accertare che – a fronte della percezione, dal 2011, della pensione di invalidità civile e relativa indennità di accompagnamento, per cecità totale, per un ammontare di oltre 160mila euroil soggetto controllato conduceva, con assoluta normalità, tutti gli atti di vita quotidiana spostandosi da un luogo all’altro utilizzando la propria auto. In relazione a quanto appurato, le Fiamme Gialle del Gruppo di Crotone hanno deferito il M.A. alla locale Procura in relazione all’ipotesi di reato previsto e punito dall’art. 640 bis C.P. “Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche”, richiedendo, altresì, l’immediato sequestro dei beni patrimoniali per il valore pari agli emolumenti previdenziali illecitamente percepiti nel corso degli anni.

Sequestro per 160mila euro.
Su richiesta del sostituto procuratore Alessandro Rho, che ha coordinato le indagini, il Giudice per le indagini preliminari, dottoressa Romina Rizzo, ha disposto il sequestro di beni immobili, mobili e disponibilità finanziarie per 160.000 euro, che i militari del Gruppo di Crotone stanno eseguendo in queste ore. Il contrasto alle frodi alla spesa pubblica previdenziale ed assistenziale è, soprattutto in questo momento storico, di fondamentale importanza per impedire la sottrazione indebita di risorse pubbliche destinate al sostegno di soggetti deboli e bisognosi, contro ogni forma di comportamento disonesto e sleale che crea grave nocumento alle casse erariali. L’azione di servizio svolta costituisce un esempio di come la Guardia di Finanza sia in grado di sviluppare, grazie ai suoi Reparti Speciali, complessi processi di analisi che consentono ai Reparti territoriali di agire in modo chirurgico per colpire le più subdole frodi in danno della collettività.