Consiglio regionale approva cabina di regia per gli investimenti del Recovery plan

Ne faranno parte anche rappresentanti dei Comuni. Pietropaolo (Fdi): “Investire maggiori risorse al Sud per superare un ritardo di sviluppo che penalizza l’intero Paese”

“Fratelli d’Italia sta conducendo da tempo una battaglia per modificare il criterio, basato sulla popolazione residente, che attribuisce alle regioni del Sud il 34 per cento degli investimenti infrastrutturali del Paese. Accolgo quindi con favore che anche il Partito democratico, come emerso dagli interventi in Consiglio, abbia compreso quanto queste regole siano penalizzanti per le regioni meridionali”. È quanto ha affermato il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale Filippo Pietropaolo, intervenendo in aula per presentare l’ordine del giorno, sottoscritto insieme ai colleghi Luca Morrone e Giuseppe Neri, diretto ad impegnare il presidente Nino Spirlì a “istituire una cabina di regia regionale, che coinvolga le forze politiche e i rappresentanti dei Comuni, con il compito di interloquire con la cabina di regina nazionale nell’attività di selezione e proposta dei progetti su cui puntare per lo sviluppo della regione, anche in un’ottica di concretezza per evitare di vedere svanire le ingenti risorse del Recovery plan”.

Investire maggiori risorse al Sud. Nel documento, approvato dall’assemblea, si evidenzia come “la Calabria non può lasciarsi sfuggire l’opportunità offerta dall’utilizzo dei fondi del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza, che serve per utilizzare i fondi del Recovery plan, ndr), che destinano alle regioni del Sud il 40 per cento dell’intero piano”. Nel documento si spiega come “pur essendo apprezzabile l’implementazione della quota destinata al Sud del Pnrr dal 34 per cento al 40 per cento, sarebbe stato più corretto invertire l’ottica degli investimenti secondo una reale perequazione, investendo le maggiori risorse al Sud in modo da recuperare una volta per tutte il gap infrastrutturale, rendere le regioni meridionali più competitive e superare finalmente un ritardo di sviluppo che penalizza l’intero Paese”.

“Massima efficacia”. “La programmazione non può esaurirsi nel recupero di progetti dimenticati nei cassetti – continua il documento – ma deve essere il frutto di una visione organica, di prospettiva, rispetto alle infrastrutture, ai trasporti, alla tutela del territorio, alla Salute, alle politiche per il lavoro, al digitale, alle politiche giovanili, all’efficienza della pubblica amministrazione. Per questo è necessario che, nel poco tempo a disposizione, ci sia la massima efficacia nella predisposizione dei piani, ma anche la richiesta al governo di incidere sul sistema delle regole, ad esempio nel bilanciamento tra gli interessi di garantire l’efficienza delle procedure e il rispetto della legalità”.

“…senza dimenticare il Ponte sullo Stretto”. Per Pietropaolo “occorre che la Conferenza Stato-Regioni e le singole regioni instaurino un dialogo con l’Unione europea attraverso la cabina di regia nazionale, considerato che la programmazione del Pnrr è destinata ancora ad essere rivista, ma soprattutto le regioni meridionali devono adoperarsi per ottenere il massimo dei fondi per le infrastrutture, superiori al 40 per cento, poiché è stato proprio per il Sud, con la sua debolezza in parametri quali il pil pro capite, la popolazione residente, il tasso di disoccupazione, che l’Italia ha ottenuto il doppio delle risorse. Per questo rivolgiamo un forte invito al presidente Spirlì affinché si faccia carico, insieme alle altre regioni, della richiesta di maggiori fondi per il Sud nel Pnrr. Noi di Fratelli d’Italia teniamo alta l’attenzione sulle opere già inserite o da inserire nel Pnrr, e più in generale sugli investimenti infrastrutturali decisivi per lo sviluppo della Calabria, tra cui l’alta velocità ferroviaria fino a Reggio Calabria, il completamento della Statale 106, la Strada del Medio Savuto, la Trasversale delle Serre, gli aeroporti, il collegamento ferroviario tra Catanzaro, la stazione e lo scalo di Lamezia, il porto di Gioia Tauro, senza dimenticare il Ponte sullo Stretto“. (Foto di repertorio)