Vibo, 6 milioni per le infrastrutture: “Svolta per la città, sarà rivoluzionata” (VIDEO)

Si tratta di interventi di riqualificazione, quindi senza consumo di suolo con nuove opere pubbliche. Ecco come verranno spesi

“È la svolta per questa città, confidiamo che lo sia da qui a a qualche anno. La città sarà rivoltata come un calzino, rivoluzionata. è un programma di opere pubbliche che diventa realtà non è un libro dei sogni”. O meglio “il nostro libro dei sogni, quello che abbiamo scritto nel programma triennale delle opere pubbliche, sta diventando realtà” e lo diventerà “nell’ambito di questo primo mandato dell’Amministrazione Limardo”. Così il sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, nella conferenza stampa per annunciare come verranno spesi i 5,7 milioni di euro ottenuti dalla Regione per il piano di “rigenerazione urbana”. “La rigenerazione urbana – spiega il sindaco – è un termine con il quale ci si riferisce alla riqualificazione dei luoghi, non c’è consumo del suolo, non ci saranno cose nuove, ma riqualificazione, abbellimento, rigenerazione: tutta la città potrà diventare un attrattore”.

Vibo prima per finanziamenti.
Accanto al primo cittadino, per annunciare di essere riusciti “a ottenere, battendo i pugni sul tavolo, quello che la nostra città merita”, c’erano il senatore Giuseppe Mangialavori e il consigliere regionale Vito Pitaro, a cui Maria Limardo ha attribuito i meriti principali dell’arrivo delle risorse. Presenti anche anche Tonino Daffinà e Ottavio Bruni.  “Vibo – ha detto ancora il sindaco – è la seconda città della Calabria in termini assoluti e la prima per finanziamenti in rapporto alla popolazione”.

 

 

Risultato eccezionale.
“Finalmente Vibo inizia ad avere soddisfazioni amministrative. Quello che abbiamo annunciato oggi – ha detto il senatore Giuseppe Mangialavori – ritengo sia un risultato eccezionale, ritengo che la città possa davvero cambiare volto. Adesso è compito dell’Amministrazione spenderli nel minor tempo possibile. Il lavoro fatto in silenzio porta la città a essere non più l’ultima provincia della Calabria ma a dimostrare di contare parecchio a livello regionale”. Soddisfazione anche da parte di Vito Pitaro: “Un grande traguardo raggiunto per volontà della presidente Santelli che, con grande forza, ha voluto che la Regione sbloccasse questi fondi. Il senatore Mangialavori ha chiesto con forza un interessamento particolare anche per Vibo Valentia. Il resto lo ha fatto questa amministrazione che ha messo a punto progetti molto validi nero su bianco grazie a un sindaco che continua a battersi nell’esclusivo interesse della città oltre tutti gli ostacoli, a cominciare dal possibile secondo dissesto finanziario”.

Come verranno spesi i soldi.
Nello specifico il piano – a cui vanno aggiunti i 2 milioni già previsti per piazza Municipio e i 350mila euro per piazza Spogliatore – prevede una “rigenerazione urbana sia del capoluogo di provincia che delle frazioni”. Ovvero: un milione di euro per la rigenerazione di Villa Gagliardi; 500mila euro per il Parco delle Rimembranze; 950mila euro per l'”eliminazione del degrado” a Vibo centro; 580mila euro per il terminal bus nella cittadella scolastica e dello sport; 900mila euro per il terminal bus “che porta accesso al centro storico”; 1,5 milioni per l‘eliminazione del degrado nelle frazioni, tra cui Vibo Marina e Bivona; e 450mila euro per il miglioramento del tessuto urbano nel viale della stazione di Vibo Marina.