Coronavirus, preoccupa il Vibonese: ecco i maggiori focolai

Scuole chiuse e screening a tappeto in diversi centri dell’entroterra. Positivo anche un docente a Nicotera

Il coronavirus continua ad imperversare e a seminare il panico tra la popolazione del Vibonese. Colpita soprattutto la popolazione dell’entroterra. A soffrire particolarmente in questa fase, c’è San Nicola da Crissa . Un focolaio nelle scuole che ha coinvolto oltre 20 persone tra docenti, personale Ata, genitori e bambini, ha determinato almeno 20 positivi. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giuseppe Condello, è impegnata a tracciare la catena del contagio. Mercoledì prossimo l’Asp provvederà ad effettuare il tampone molecolare sui casi di positività riscontrati. Anche a Dasà, attualmente zona rossa, si sta effettuando lo screening sulla popolazione. Due i positivi su 109 nella giornata di ieri. Quindi, il totale degli infetti sale a 47. Otto i positivi a Zungri, nell’area del Poro. Per il resto, da segnalare, 88 casi a Vibo, 53 a Briatico, 45 a Sorianello, 43 a Gerocarne, 24 a Mileto e a Soriano, 14 a Drapia, 12 a San Calogero, 10 ad Acquaro, 11 a Ionadi e Pizzo, 9 a Stefanaconi, 7 a Sant’Onofrio. Positivo anche un docente del liceo classico di Nicotera. Sottoposti, per questo motivo, ieri al tampone tutti gli studenti.