Bagnara, i carabinieri mettono il porto sotto sequestro

Nella giornata odierna, valutati interamente gli elementi di prova raccolti, saranno forniti dettagli ed esiti dell’operazione

Il porto di Bagnara è stato posto sotto sequestro ieri dai carabinieri, impegnati a verificare le condizioni ambientali e lavorative dello scalo. Un intervento scaturito dall’attività informativa della locale Stazione, che è stato effettuato con l’imprescindibile contributo delle specialità dell’Arma: in azione i militari del Nucleo Operativo Ecologico di Reggio Calabria, al fine di verificare danni ambientali, i colleghi del Nucleo Subacqueo di Messina, che hanno scandagliato i fondali per valutarne eventuali compromissioni e i militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro reggino, i quali hanno effettuato delle approfondite verifiche sulla liceità degli impieghi e delle condizioni lavorative nell’attracco di Bagnara. Al termine di questa prima fase dell’attività di controllo, è stata posta in sequestro l’area portuale. Nella giornata odierna, valutati interamente gli elementi di prova raccolti, saranno forniti dettagli ed esiti dell’operazione.