Frasi su Santelli, Nicola Morra indagato per diffamazione aggravata

Il senatore del M5S si difende: “Dopo due giorni dalla notizia dell’ audizione di Palamara in Commissione Antimafia apprendo di essere indagato. Sarà un caso…”

Nicola Morra, senatore M5S e presidente della Commissione parlamentare Antimafia, è stato indagato dalla Procura di Cosenza per il reato di “diffamazione aggravata e continuata”. Lo apprende l’agenzia di stampa Dire. Il fascicolo su Morra era stato aperto dopo le frasi sulla presidente della Regione Calabria Jole Santelli lo scorso novembre, dopo poche settimana dalla morte della governatrice (“era noto a tutti che la presidente della Calabria Santelli fosse una grave malata oncologica. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev’essere responsabile delle proprie scelte”).

Subito dopo quelle frasi, le sorelle di Santelli – Paola e Roberta, parti offese – hanno presentato querela. Ora è scattato il capo di imputazione di cui dovrà rispondere il senatore calabrese.

Morra ha commentato la notizia affermando: “Dopo due giorni dall’aver divulgato la notizia della prossima audizione del dottor Palamara in Commissione Antimafia, apprendo da un’agenzia di essere indagato per diffamazione. Sarà un caso…”.