Sanità a Vibo, viene prenotata ma l’esame richiesto all’ospedale non è disponibile da mesi

La disavventura di una signora affetta da diabete: “E pensare che avevo anche richiamato per la conferma”

I paradossi della sanità calabrese. Prenota un esame tramite il Cup. L’appuntamento viene fissato dopo tre mesi, ma quando si presenta all’ospedale, con sua somma sorpresa, le comunicano che sono mesi che quel tipo di servizio non funziona. Questa la disavventura vissuta da una signora di Vibo che ha inteso raccontare una storia di “ordinario disservizio” al nostro giornale.

Ecco cosa scrive: “Il 24 novembre 2020 ho prenotato, tramite il Cup, un esame – studio del campo visivo – presso l’ospedale di Vibo Valentia, mi è stato dato il numero di prenotazione e la data 9 febbraio 2021. Per conferma, la settimana scorsa mi sono premurata di telefonare per non avere brutte sorprese e, dopo la conferma, mi sono recata all’ufficio Ticket per la regolarizzazione. Questa mattina ho preso un permesso per poter uscire dall’ufficio e andare in ospedale, dopo la trafila anti-covid sono salita al reparto e lì mi è stato detto che da novembre 2020, da quando sono stati trasferiti al secondo piano, non effettuano più lo studio del campo visivo per mancanza di una stanza adeguata e che le dovute comunicazioni alla direzione sanitaria erano state fatte, appunto nel mese di novembre, ma ad oggi evidentemente nessun aggiornamento è stato comunicato perché il Cup continua ad effettuare prenotazioni”.

E ancora: “Anche la dottoressa, che gentilmente si è impegnata a controllare la mia prenotazione, si è molto innervosita e mi ha detto che, praticamente, telefona ogni giorno all’Asp per segnalare la situazione. Dopo di me un’altra signora era lì sempre con prenotazione per lo stesso esame. Dimenticavo di segnalare che sono un soggetto diabetico e questo tipo di esame è importantissimo per me”. Insomma di “male in peggio”.