Comunali Reggio, indaga la Procura: spuntano voti di persone defunte

Dura la reazione di Klaus Davi: “Avrebbero partecipato alle elezioni perfino numerosi defunti che dall’aldilà hanno dispensato le loro ‘volontà celeste’ a questo o quel candidato”

La Procura della Repubblica di Reggio Calabria sta indagando sulle ultime elezioni amministrative e, a quanto riporta la Gazzetta del Sud, l’ultima sorpresa sarebbe – dopo la notizia di diversi anziani che avrebbero votato a loro insaputa – i voti di persone ormai decedute. Cittadini residenti nel comune di Reggio, morti, che però non sarebbero stati cancellati in tempo dalle liste elettorali. Circostanza che avrebbe portato al “miracolo” di far votare anche loro.

Dura la reazione di Klaus Davi, il noto massmediologo candidato alle ultime elezioni comunali reggine in cui ha preso intorno al 5% dei voti. “Se le indiscrezioni pubblicate dalla ‘Gazzetta del Sud’ stamattina dovessero essere confermate – scrive Davi in una nota – saremmo oltre ogni immaginazione. Non solo decine di inconsapevoli e incolpevoli ottantenni avrebbero votato alle recenti elezioni comunali di Reggio Calabria che hanno ‘incoronato’ Falcomatà sindaco, ma avrebbero partecipato alle elezioni perfino numerosi defunti che dall’aldilà hanno dispensato le loro ‘volontà celeste’ a questo o quel candidato. Una beffa, una presa in giro della volontà dei Reggini, una violazione gravissima delle regole elettorali, se confermate”.