Ricadi, la denuncia dell’opposizione: “Aree verdi e centri abitati nel degrado” (FOTO)

Il gruppo “Uniti per Ricadi”: “Ci sono lavori con affidamento diretto per 57mila euro che, almeno per alcune aree, non sembra siano stati mai realizzati nè tenuta la manutenzione”

“A Ricadi per il decoro urbano, a differenza di tanti altri Comuni, nel primo mese di vita della nuova Amministrazione non si è mossa foglia, nessun tipo di intervento all’esterno è stato effettuato”. Così in una nota il gruppo di opposizione “Uniti per Ricadi”, che denuncia di essere stati costretti “a sollecitare la pulizia, ancora in corso, delle aree davanti alle scuole e nelle piazze nei pressi dei giochi per i bimbi. Per il resto, dopo l’emergenza rifiuti dell’estate, nulla”.

Centri abitati nel degrado. Le spiagge “sono rimaste così com’erano”, allo stesso modo “i parcheggi a mare ed i marciapiedi”. “Mentre però i centri abitati sono abbandonati nel degrado – evidenzia l’opposizione – grazie ad un progetto dell’anno scorso, voluto dalla precedente Amministrazione, stiamo spendendo 57mila euro per due anni per la costruzione di aree verdi e la manutenzione delle stesse. Le aree interessate sono: Belvedere Scalea (S.Domenica), Belvedere dei Cannoni (Capo Vaticano), Belvedere del Capo (Capo Vaticano) e Aiuola Bivio Palatari (San Nicolò)”.

Fotografato lo stato di abbandono. “Ma questi lavori con affidamento diretto per la modica cifra di 57mila euro – continua il gruppo di opposizione – almeno per due delle aree interessate, non sembra siano stati mai realizzati, nè tenuta la manutenzione. Abbiamo infatti documentato con fotografie lo stato di abbandono in cui si trovano due di queste aree al momento, nello specifico Belvedere Scalea a Santa Domenica e Belvedere del Capo a Capo Vaticano. Non è stato realizzato alcunchè, l’unica vegetazione è quella spontanea e, a quanto pare, non si provvede neppure alla manutenzione”.

Pagamenti per un servizio mai effettuato. Eppure dai documenti ufficiali, denuncia “Uniti per Ricadi”, risulta che “il servizio è regolarmente eseguito ed i pagamenti alla ditta vengono regolarmente effettuati da oltre un anno”. “Abbiamo denunciato pubblicamente dalla nostra pagina Facebook l’intera vicenda – conclude la nota – ci chiediamo se e quali provvedimenti sono stati adottati dal sindaco per porre fine allo spreco di risorse economiche e recuperare i pagamenti già eseguiti”.