Si masturba in videoconferenza su Zoom. Sospeso editorialista

Jeffrey Toobin stava partecipando a un incontro di lavoro. Pensava che la telecamera e il microfono del suo pc fossero spenti. “Ho commesso un errore stupido”

Tradito dallo smart working. Jeffrey Toobin, giornalista del New Yorker e analista della Cnn, non si era accorto che la telecamera e il microfono del suo computer fossero ancora accesi. E così, mentre stava partecipando a una riunione di lavoro (molto probabilmente non troppo avvincente) su Zoom – una delle piattaforme di videochiamate più diffuse al mondo – ha deciso di seguire l’esempio di Lucio Dalla alla fine dell’indimenticabile ‘Disperato erotico stomp’. In videoconferenza con l’editorialista di uno dei settimanali più prestigiosi del panorama Usa c’erano alcune delle penne più famose d’America. Toobin, quando ha iniziato a masturbarsi, credeva di essere al riparo da occhi indiscreti, ma così non era.

CONTINUA A LEGGERE QUI