Vibo, sopralluogo della Commissione antimafia al nuovo (si fa per dire) Tribunale (VIDEO)

Il presidente Nicola Morra, accompagnato dal procuratore Camillo Falvo, ha visitato il palazzo di Giustizia di via Lacquari. Un’opera incompiuta che attende risposte certe

Si è svolto stamattina il sopralluogo della Commissione parlamentare antimafia all’interno del nuovo Tribunale di Vibo Valentia. Il procuratore della Repubblica di Vibo, Camillo Falvo, ha introdotto nel palazzo di Giustizia vibonese il presidente dell’organismo parlamentare Nicola Morra insieme agli altri componenti compresi i parlamentari del collegio centrale della Calabria (Ferro, Mangialavori e Nesci).

Un Tribunale nuovo, di recente costruzione, ma già vetusto ed obsoleto, a tratti fatisciente. Interi piani da completare ed un tetto esterno dal quale emergono infiltrazioni che ne mettono a dura prova la tenuta strutturale.

Nei seminterrati un archivio di faldoni accatastati con carte, armadi ed oggetti di vario genere ammassati lì. Uno scenario surreale.

“Da anni stiamo pagando degli affitti a privati e – spiega Falvo – per evitare spese inutili abbiamo pensato di spostare una parte degli archivi qui. Per adesso una soluzione provvisoria. Stiamo facendo degli accertamenti, c’è un procedimento che io ho aperto e stiamo accertando le responsabilità. Per adesso è importante l’attenzione posta perchè se non si finisce questo palazzo di giustizia tutto quello che è stato fatto andrà buttato. Pensiamo a risolvere il problema, le indagini faranno il loro corso”.

Al termine del sopralluogo è intervenuta anche la deputata Dalila Nesci: “Abbiamo voluto fortemente che la Commissione antimafia venisse qui nel nuovo ed incompiuto palazzo di Giustizia perchè tutte le forze politiche in campo devono dare il loro contributo per chiudere questi lavori. E’ necessario per i vibonesi e per il senso di giustizia di tutta la Calabria”.