Morì di leucemia, la chiesa beatifica l’influencer di Dio

Papa Francesco lo ha indicato a modello di santità nell’era digitale. E’ il primo millenial asceso agli onori degli altar

La Chiesa beatifica l’influencer di Dio, stroncato a soli quindici anni da una leucemia fulminante. Nel pomeriggio di oggi l’eterno giovane Carlo Acutis, morto nel 2016, è stato proclamato beato nella Basilica superiore di Assisi, terra del suo amatissimo San Francesco. Davanti a più di tremila devoti, il legato pontificio, cardinale Agostino Vallini, ne ha celebrato “l’entusiasmo della giovinezza col quale coltivò l’amicizia in Gesù”. Una volta scoperta l’immagine dell’adolescente sull’altare, l’ex vicario generale di Roma ha abbracciato la madre e il papà del ragazzo assunto a modello di santità nell’era digitale da papa Francesco tra le pagine dell’esortazione apostolica ‘Christus vivit’, indirizzata alle nuove generazioni. Decisivo per l’ascesa di Acutis agli altari il miracolo, a lui attribuito, della guarigione di un bambino brasiliano nato con una malformazione congenita al pancreas. La memoria liturgica del neo beato è stata fissata al 12 ottobre, giorno della sua morte.

CONTINUA A LEGGERE QUI