Grande festa a Melicuccà nel Vibonese. Rinasce il campo sportivo e la gloriosa Me.Di.Mo (VIDEO)

Dopo anni di abbandono, rinasce un polmone di aggregazione sociale. Ecco la nuova scuola calcio e la partecipazione al campionato di 3° Categoria. Presenti anche il deputato Tucci ed il segretario generale della Cisal Francesco Cavallaro

Una giornata di festa per la piccola comunità di Melicuccà, frazione del comune di Dinami nel Vibonese. E’ stato, infatti, inaugurato il nuovo campo sportivo, una struttura che era stata abbandonata negli ultimi decenni. Un luogo significativo in cui ha giocato per tanti la gloriosa Me.Di.Mo e che è stato riportato a vita nuova grazie al contributo di cittadini con le loro donazioni ed al contributo di varie associazioni e sponsor. In primo luogo la Cisal, il sindacato nazionale guidato da Franco Cavallaro, con quest’ultimo, nato e cresciuto a Dinami, molto legato ai ricordi della Me.Di.Mo.

Nasce così la nuova Me.Di.Mo oratori, associazione presieduta dal parroco don Giuseppe Pititto che gestirà la struttura e sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato di Terza Categoria. Nasce anche la scuola calcio, strumento molto utile per la crescita e l’aggregazione sociale dei bambini e ragazzi del circondario dinamese. All’iniziativa, che ha avuto il suo culmine con il taglio della torta raffigurante il nuovo campo di calcio, hanno partecipato lo storico presidente Salvatore Sangiuliano, il sindaco di Dinami, Gregorio Ciccone, il deputato del M5S, Riccardo Tucci, anch’egli nativo di Melicuccà, ed i rappresentanti delle istituzioni sportive del territorio: Bruno Battaglia per il CONI e Luigi Ioculano e Vincenzo Restuccia per la FIGC.

Emozionato Tucci: “Una grande comunità che è riuscita a far rinascere quello che tantissimi era un sogno di questo paese, quello che tantissimi anni fa rappresentava una delle cose più importanti. Oggi grazie soprattutto all’aiuto del parroco e dell’intera comunità rinasce questo campo. Per me è un’emozione grandissima, una giornata che mi fa esplodere innumerevoli ricordi, un campo che mi ricorda quasi vent’anni della mia vita, un campo bellissimo e di queste iniziative ne servirebbero davvero tante per creare nei giovani lo spirito di gruppo che spesso manca, quello spirito di comunità che Melicucca e Dinami riescono a dimostrare. Sono orgoglioso della mia comunità”.

Vincere sia a livello sportivo, che nella vita. “E’ una bella sensazione – ha sottolineato don Pititto – vedere rivivere questo luogo e sono pochi i luoghi dove i ragazzi si possono associare e fare delle belle esperienze insieme. Un campo abbandonato, in decadenza completa, e vederlo ora è una soddisfazione. Se ci impegniamo possiamo vincere sia a livello sportivo, ma soprattutto vincere nella vita che è la cosa più bella ed importante perchè dev’essere un luogo, un’associazione, una squadra che miri a rifondare anche un’umanità che abbiamo lasciato un pò andare, soprattutto nei giovani. Possiamo vincere sia dal punto di vista agonistico che dal punto di vista umano”.