Speciale elezioni nel Vibonese, a Ricadi duello tra Tripodi e Mobrici (VIDEO)

SPECIALE ELEZIONI | Viaggio nei comuni al voto nel Vibonese: tre domande ai candidati a sindaco. La sfida tra Nicola Tripodi e Pasquale Mobrici

Dopo la caduta dell’amministrazione comunale guidata dall’ex sindaco Giulia Russo, a Ricadi si torna a votare. In campo si fronteggiano due liste: da un lato Nicola Antonio Tripodi, docente di diritto in pensione, volto noto della politica ricadese alla guida della lista “Ricadi europea”; dall’altro Pasquale Mobrici, avvocato, 45 anni, alla guida della lista “Uniti per Ricadi”.

Si vota, dunque, a meno di un anno dalla scadenza naturale della legislatura. Tripodi in passato ha ricoperto la carica di consigliere comunale e nella sua lista figura il nome di Albino Mollo (consigliere comunale uscente). Mobrici nella sua lista, d’altra parte, annovera la presenza del consigliere comunale uscente Mario Rizzo e dell’ex sindaco Domenico Laria.

Un comune tra i più importanti della provincia di Vibo, un territorio vasto che, come molti, si spinge dalla collina al mare e che ha nel comprensorio di Capo Vaticano l’arma turistica da valorizzare ed implementare. Ricadi è il comune con più alta vocazione turistica in Calabria e con la più elevata ricettività ed è da qui che partono i programmi di entrambi i candidati che vi facciamo conoscere meglio nel corso delle interviste che abbiamo realizzato.

Nicola Antonio Tripodi. “Ho deciso di scendere in campo per il senso di amore che mi lega al territorio ricadese – sottolinea Tripodi – e nel momento in cui ci troviamo di fronte ad un’emergenza economica, politica, ma soprattutto ambientale, credo che un paesaggio del genere meriti un’amministrazione alla pari con le bellezze di questo territorio. Sono un uomo libero così come tutta la lista composta da giovani, donne, professionisti. Non siamo condizionati dalla politica, dal potere economico e saremo liberi per prendere tutte le decisioni necessarie per il rilancio. Il Coronavirus ha inciso sulla crisi del settore turistico e da parte nostra ci sarà la sensibilità per una ripartenza con dei provvedimenti che abbiamo già in cantiere. Puntare sulla qualità del turismo attraverso un salto di qualità che non è mai arrivato. Ricadi deve guardare lontano, deve diventare una meta turistica internazionale d’eccellenza”.

Pasquale Mobrici. “La mia candidatura – evidenzia Mobrici – nasce all’interno di un progetto politico ben più ampio ed articolato che affonda le sue radici nell’opposizione alle precedenti amministrazioni. Vogliamo reagire alla situazione di degrado creatasi negli anni e lanciamo una sfida ai nostri cittadini, all’intero territorio perchè Ricadi vuole ritornare ad essere protagonista, vogliamo restituire dignità sotto ogni punto di vista. Rappresentiamo l’alternativa al passato, è un voto che rappresenta una vera e propria scelta di campo. Il vero freno a mano tirato sul nostro territorio è rappresentato da un’amministrazione comunale che ha portato ad una situazione di degrado che si percepisce ad occhio nudo. Per noi il rispetto della legalità è prioritario e poi il primo banco di prova sarà la riapertura delle scuole dove Ricadi soffre una mancata programmazione soprattutto sul tema dell’edilizia scolastica”.

(interviste a cura di Francesco Iannello)