Rinascita, 32enne del Vibonese passa ai domiciliari

Per l’accusa si sarebbe reso responsabile in concorso con altre persone di una rapina alla BCC di San Calogero, avvenuta nel 2016

Passa dal carcere agli arresti domiciliari , Cristian Capomolla, il 32enne di Soriano Calabro, nel Vibonese, coinvolto nella maxi-operazione Rinascita Scott condotta dai carabinieri e coordinata dalla Dda di Catanzaro, sotto la guida del procuratore Nicola Gratteri. Il Tribunale del Riesame ha accolto l’istanza presentata dal suo legale, l’avvocato Antonio Barilaro. Il giovane risponde di concorso in rapina a mano armata aggravata dalle finalità Mario se, nella filiale di Ricadi della Banca di Credito cooperativo di San Calogero, poi confluita nella BCC del Vibonese. Il
colpo messo a segno con la complicità di altre persone, nel 2016, fruttó ai responsabili ben 220mila euro.