Vibo Marina, via intitolata al comandante De Grazia: proposta M5S ferma in Commissione

I commissari non trovano un accordo su quale strada sostituire. Proposte via Vespucci, via Emilia e piazzale della Capannina. Il consigliere Pisani: “Eroe dei nostri tempi, intervenga la Limardo”

Comandante della Guardia Costiera, calabrese, medaglia d’oro al merito di marina “Alla Memoria” e una vita spesa a lottare per legalità e ambiente. È questo il profilo del comandante Natale De Grazia, morto per ragioni mai del tutto chiarite il 13 dicembre 1995, al quale il consigliere comunale di Vibo Silvio Pisani ha proposto di intitolare una via, una piazza o un lungomare nella frazione marina. Una proposta su cui, a parole, sono tutti d’accordo. Ma nei fatti la situazione è ben diversa. Oggi infatti si è riunita per la quarta volta la commissione Urbanistica del Comune e, per la quarta volta, ha deciso di non decidere.

Sostituire via Vespucci. L’impasse è stato raggiunto nel momento in cui si è dovuto decidere quale strada di Vibo Marina intitolare al comandante De Grazia. Il M5S aveva proposto inizialmente di sostituire via Vespucci, sia perché esiste già un istituto scolastico a lui intitolato (“quindi non è certo uno sfregio a Vespucci” commenta il consigliere Pisani) sia perché, abitandoci poche famiglie, andrebbe ad incidere meno sull’ufficio anagrafe.

Le altre ipotesi. Dopo il “no” di una parte della Commissione il M5S ha allora proposto Via Emilia e poi piazzale della Capannina, per quanto su quest’ultimo sono in corso dei lavori che non termineranno in tempo per il 25esimo anniversario che si celebrerà il prossimo 13 dicembre. Sei commissari però hanno continuato a non essere d’accordo con la proposta, e così, come spesso accade, tutto resta fermo nonostante se ne stia discutendo da diverse riunioni.

“De Grazia un eroe, intervenga la Limardo”. La Commissione ha però solo una funzione consultiva, la parola finale spetta all’organo esecutivo. Per questo il consigliere Silvio Pisani si augura “che prenda la questione di punta la Giunta Limardo, così come fa con le altre delibere e determine, in modo da accelerare i tempi”. Il comandante De Grazia, che grazie al suo lavoro investigativo ha permesso di scoprire un importante traffico di rifiuti tossici e radioattivi, spiega il consigliere pentastellato, “è un eroe dei nostri tempi che si è immolato per noi pur sapendo a cosa andava incontro, un precursore dell’ambientalismo soprattutto nell’ambito della Guardia costiera”.