Vibo, la task force Cultura punta a risollevare la città

Si è riunito oggi il gruppo creato per studiare le proposte necessarie a proiettare la città sul territorio nazionale attraverso la promozione culturale

Nuova riunione della task force per la Cultura istituita dal sindaco Maria Limardo che, introducendo i lavori, ha inteso ribadire il senso di questo gruppo creato per studiare insieme proposte operative da sottoporre agli organi istituzionali comunali affinché si realizzi l’obiettivo di proiettare la città sul territorio nazionale ed oltre, attraverso lo strumento della promozione culturale. Le personalità individuate dal sindaco – è bene ricordare che questa task force non è da paragonare ad una sorta di consulta delle associazioni, in quanto gli invitati in questo gruppo lo sono a titolo personale, a prescindere da eventuali ruoli ricoperti in associazioni, circoli o simili – si sono confrontati sulle diverse idee proposte secondo un canone preciso illustrato dallo stesso sindaco.

Conservatorio Torrefranca eccellenza internazionale. Proprio Maria Limardo ha voluto, in apertura dei lavori, sottolineare alcuni passaggi ritenuti fondamentali. Innanzitutto, l’orgoglio di sapere che il conservatorio di musica Torrefranca sia ormai unanimemente riconosciuto come un’eccellenza di livello internazionale, e per questo, come vibonesi, si ha il dovere di sostenere favorendone, ove possibile, ulteriori successi e riconoscimenti. Da qui l’affermazione di Maria Limardo che ha ufficialmente ribadito al direttore, il maestro Vittorino Naso (anche lui componente la task force), la ferma intenzione, sua e dell’amministrazione da lei guidata, di fare al più presto insediare il conservatorio nel prestigioso complesso monumentale del “Convento dei Gesuiti” che quanto prima sarà finalmente fruibile perché riportato al prestigio ed al patrimonio della città.

“Una città smart”. Quindi si sono analizzate alcune delle principali proposte operative da realizzare in tempi brevi, il tutto convogliato in una “piattaforma informatica”, così come suggerita da una proposta presentata su “l’utilizzo delle tecnologie per l’offerta dei servizi”, per realizzare quella che il proponente Maurizio Bonanno ha definito “una città smart”. La proposta, accolta favorevolmente dai presenti, è stata affidata all’assessore Michele Falduto con l’incarico di progettare un portale del territorio, che possa diventare punto di riferimento e di normalizzazione per diversi ambiti quali: il patrimonio artistico e monumentale, il patrimonio naturalistico e ambientale, le tradizioni e i prodotti eno-gastronomici, le tradizioni culturali, la cultura in genere, le strutture ricettive e di ristoro, gli eventi culturali e ricreativi, anche attraverso l’implementazione degli strumenti di navigazione nel web.

L’impegno del Fai. Sottolineato poi lo straordinario impegno del Fai a Vibo Valentia, che negli anni ha fatto conoscere con le sue iniziative un patrimonio eccezionale altrimenti dimenticato. Il Capo delegazione Teresa Saeli, ha quindi illustrato i prossimi imminenti progetti già messi in programma. Accolta con favore anche l’idea proposta da Maria Murmura Folino di riportare in vita il prestigioso premio pianistico internazionale Torrefranca, in stretta collaborazione con il Conservatorio, ormai sospeso da quasi un trentennio. Così come di intende riattivare l’annuale riconoscimento della “Valentia Aurea”.

Festival Leggere&Scrivere. Grande attenzione sarà posta alla valorizzazione dell’artigianato locale e delle eccellenze enogastronomiche, con l’organizzazione di mostre tematiche. Gilberto Floriani ha proposto la istituzionalizzazione del Festival Leggere&Scrivere annunciando che quest’anno si terrà dal 5 al 10 ottobre. Mariangela Preta si è resa promotrice di un’articolata iniziativa che avvii un dialogo nel segno della storia e della cultura magno-greca tra le città di Vibo Valentia (l’antica Hipponion), Locri e Rosarno (l’antica Medma). Annunciate le date dell’attesa Fiera degli editori a km zero ViBooK che si terrà nei giorni dal 15 al 20 dicembre prossimi.