L’EDITORIALE | Il mio ultimo giorno a Zoom24: arrivederci a tutti

Mimmo Famularo lascia la direzione dopo cinque anni di intenso lavoro e grandi successi per abbracciare una nuova sfida editoriale

C’è un tempo per ogni cosa nella vita. C’è un tempo per piantare, un altro per costruire; un tempo per abbracciare tutti e salutare. E’ tempo per me di chiudere uno dei capitoli più belli ed esaltanti della mia vita, di voltare pagina per scrivere una nuova storia. Questo è il mio ultimo giorno a Zoom24, il giornale che ho fondato e,  insieme ad un gruppo di amici e colleghi, ho contribuito a far crescere. Lascio la direzione dopo cinque anni di lavoro intenso e lo faccio con il sorriso sulle labbra, con gli occhi lucidi ma convinto di aver dato tutto e di non poter dare altro ancora. Lascio Zoom24 al massimo del suo splendore, con numeri da record alla mie spalle in termini di visualizzazioni, utenti e sessioni. Lo lascio in buone mani, sicuro che chi verrà dopo di me saprà fare ancora meglio e ancora di più.

E’ tempo di saluti ma anche di ringraziamenti. Non posso dimenticare ed essere infinitamente grato a chi ha creduto in me nel momento più difficile della mia vita professionale. Agli editori Marco e Giuseppe prima di tutto e, poi, a tutti coloro che sono venuti dopo e hanno alimentato questo progetto, lo hanno reso ancora più grande. A tutto il consiglio d’amministrazione di Zoom24 dico grazie per la libertà che ho respirato, per non aver mai ingerito sulla fattura del giornale, per aver annientato sul nascere ogni tipo di pressione, per avermi difeso sempre. Sono stato un direttore libero e questa libertà ho potuto condividerla, con fierezza e orgoglio, con ognuno dei miei giornalisti. Non è scontato nel mondo di oggi e per questo voglio sottolinearlo.

Ringrazio ognuno dei miei colleghi, tutti nessuno escluso: chi mi ha seguito dal primo minuto quando Zoom24 era semplicemente una scommessa e chi oggi si gode meritatamente i frutti di anni di duro lavoro; chi è andato via ma ha contribuito, comunque, a rendere credibile Zoom24; chi c’era ieri e chi c’è oggi e rappresenta il futuro.

Ringrazio e abbraccio ogni singolo lettore e mi scuso per gli errori che ho commesso in questi cinque anni ma solo chi non fa non sbaglia e quando ho sbagliato lo ho fatto in buonafede. E’ tempo di andare e lo faccio per ritrovare nuovi stimoli e per affrontare nuove sfide editoriali. Finisce un ciclo e si apre un nuovo capitolo della mia storia professionale e di Zoom24. Grazie di tutto e a presto.