Magistrato non agisce per tempo: dissequestrato autolavaggio nel Vibonese

L’attività era stata sequestrata circa tre settimane fa con l’accusa di scaricare nella fogna senza la necessaria autorizzazione

Circa tre settimane fa, il 17 luglio, i Carabinieri Forestali del Gruppo di Vibo Valentia avevano attuato un sequestro preventivo di un sito adibito ad autolavaggio nel comune di Nicotera (ne abbiamo parlato QUI). Secondo gli investigatori l’attività dell’impianto sarebbe stata condotta in assenza della necessaria autorizzazione, scaduta da oltre quattro anni, allo scarico nella pubblica fognatura.

Su istanza dell’avvocato Paride Scinica – difensore di V. S., 58 anni di Nicotera, amministratore unico della società di gestione dell’impianto – l’autolavaggio è stato adesso dissequestrato dall’ufficio di Procura, in quanto lo stesso ufficio non ha proceduto nei termini di legge alla richiesta di convalida del sequestro. Pertanto il pubblico ministero ha dichiarato l’inefficacia del sequestro preventivo, disponendo l’immediata restituzione.

 

 

Autolavaggio scaricava nella fogna senza autorizzazione: scattato il sequestro nel Vibonese