Sospiro di sollievo, ritrovati vivi in fondo a un canalone i due escursionisti dispersi

A bloccarli un fortissimo temporale abbattutosi nel pomeriggio di ieri Sul Pollino. Fondamentale il lavoro degli uomini del Soccorso Alpino e del Sagf

Sono stati ritrovati zuppi d’acqua e in stato al limite dell’ipotermia, i due escursionisti dispersi da ieri sul Pollino. L’allarme era scattato intorno alle 18 con la chiamata al 112 per chiedere aiuto di una coppia di escursionisti, che dopo aver raggiunto la cima di Timpone Viggianello nel ritornare al punto di partenza a Timpone del Dragone avevano perso il sentiero anche a causa del forte temporale che li ha sorpresi lungo la via del ritorno.

Gli operatori del 112 avevano allertato la Stazione Pollino del Soccorso Alpino e Speleologico Calabria e Basilicata nonché il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza. Grazie alle istruzioni impartite dai soccorritori, i dispersi erano riusciti a inviare le proprie coordinate. Erano finiti in fondo ad un lungo canalone, zuppi d’acqua e a limite di ipotermia. A ritrovarli, due squadre congiunte del Soccorso Alpino e Sagf per un totale di 24 tecnici, che non senza fatica, riuscivano a consegnare i due escursionisti all’ambulanza dopo esser riusciti a risalire tutto il lungo canalone, dopo aver fatto loro indossare nuovi indumenti e gilet termici.