Scuola, domande Gps corrette ma stampa Pdf spesso errata. E il ministero…dorme

Affatto semplice l’inserimento degli aspiranti professori nelle Graduatorie provinciali sul sistema Polis Istanze Online

I precari sono sempre precari. Ultimi nei pensieri della politica, spesso messi nel dimenticatoio, utilizzati all’occorrenza e poi abbandonati a se stessi. I precari non soltanto sono precari per il Ministero della Pubblica Istruzione ma anche per il sistema informatico che dovrebbe valutare le loro richieste di inserimento nelle Gps, ovvero le Graduatorie provinciali di I e II fascia. Ebbene, nella confusione post-Coronavirus, è accaduto di tutto. Senza che il ministro Lucia Azzolina -sempre più soddisfatta del lavoro suo e dei tecnici di Viale Trastevere – abbia preso fino ad oggi nota alcuna.

Tra le molteplici anomalie quella del sistema Polis Online che – a molti aspiranti docenti – restituisce dopo la domanda un Pdf zeppo di errori di ogni genere: a qualcuno non compaiono le scuole inserite che sono però presenti nella domanda online, ad altri vengono omessi o aggiunti dati relativi ai titoli e così via. Problemi – segnalati dai diretti interessati alla redazione di Zoom24 – che stanno mandando letteralmente in tilt i giovani professori magari alle prese per la prima volta con gli avulsi meccanismi ministeriali.

Peraltro, non c’è molto tempo per risolvere le anomalie manifestate dal sistema: le domande per le Gps scadono il prossimo sei agosto. E allora il ministro e i suoi tecnici è opportuno che si mettano subito al lavoro…anzichè continuare a “dormire” sotto l’ombrellone!