Ancora niente calcetto e beach-volley, Spadafora: “Devono decidere le Regioni”

Il ministro dello Sport chiarisce: “Non posso decidere tutto in autonomia, ora tocca agli altri prendersi le proprie responsabilità. Non posso decidere su ciò che compete alle Regioni”

Direttamente dalla sua pagina facebook, tramite apposita diretta, il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, ha parlato della ripartenza degli sport di contatto, che comprendono, tra gli altri, i tanto acclamati calcetto e beach-volley: “In cinque regioni (Abruzzo, Sicilia, Puglia, Liguria e Veneto) hanno già riaperto e spero che anche altri presidenti di regione facciano ordinanze analoghe. Anche in Lombardia si riprenderà dal 10 luglio. Spero che nel minor tempo possibile arrivino nuove regole regionali, ma non dipende da me. Le Regioni possono iniziare a dare il via libera assumendosi una responsabilità importante come ho fatto io dando l’ok. La mia parte l’ho fatta, non ho provato a scaricare responsabilità su altri. Ho dato l’ok anche senza quello del ministro della Salute Speranza. Non posso decidere tutto in autonomia, ora tocca agli altri prendersi le proprie responsabilità. Non posso decidere su ciò che compete alle Regioni”.